LA VERITA’, DA UOMO A DONNE

SCUSA SEC’è chi lo ha letto e si è offeso, chi lo ha invece regalato a tutte le donne della famiglia. Chi lo vuole tradurre e proporre al mercato estero e chi al solo sentire pronunciare il titolo, Scusa se ti chiamo stronzo“, si sente venire l’orticaria. Mirko Spelta ha scritto un libro che non passa inosservato, entra nel merito dei rapporti tra uomo e donna e lo fa con ironia e realismo, con leggerezza, da un lato, e dall’altro “andando giù pesante” come direbbero certi suoi protagonisti. Pubblicato da Piemme Edizioni, il libro è in vendita anche su Amazon e il suo autore spiega cosa c’è dietro e dentro.

Da quanto e perché ti sei focalizzato sul tema dei rapporti uomo/donna?

Credo che la chiave per vivere felici insieme sia capirsi e questo è un momento invece di grande conflittualità tra i sessi. Io sono sempre stato convinto che si possa davvero invertire la rotta ed essere gentili con il prossimo, comprensivi, sorridenti, insomma tirare fuori da noi la parte più buona e non sempre quella rancorosa, astiosa, aggressiva che troppo spesso è pronta sotto la superficie ed emerge immediatamente non solo nelle relazioni sociali ma anche nelle relazioni di coppia. Non passa giorno in cui per recuperare un po’ di click o di audience si mette in scena la parte peggiore dell’animo umano, per creare quel effetto shock che raccoglie facile attenzione. Io mi rifiuto di far parte del gioco. Continua a leggere

Annunci

RAGAZZE COI NUMERI

ragazze-con-i-numeri-cop-web.jpg“Per fortuna che è diventato di moda” raccontare le donne nella scienza, visto che “Finora è mancata la narrazione del contributo delle donne alla scienza e figure importantissime di scienziate non compaiono nei testi scolastici”. Finalmente oggi si è iniziato a far conoscere il loro ruolo in ambito scientifico ma con la collana Donne nella Scienza, Editoriale Scienza ha iniziato questo lavoro in modo davvero pionieristico 15 anni fa e per festeggiare i 3 lustri di attività ha pubblicato “Ragazze coi numeri” di Vichi De Marchi e Roberta Fulci che raccontano 15 donne scienziate provenienti da tutto il mondo e da vari ambiti.

Cosa vi piace di questa collana e come mai avete deciso di contribuire?

Vichi: perché amo leggere e scrivere biografie, e credo molto nello svelamento del mondo femminile. Vi si trovano storie di donne che hanno raggiunto la meta della ricerca scientifica nonostante tutto, esempi di vita che funzionano perfettamente da role model, da modelli, per le giovanissime generazioni, anche in generale, per l’autodeterminazione e la tenacia.
Fulci: In Donne nella scienza il fascino intrinseco del genere biografico incontra una bella dose di varietà. Sono diverse le donne raccontate, ma anche gli stili di scrittura e il tratto delle illustratrici: è una collana ricca e densa di spunti. Le protagoniste del nostro libro sono scienziate e la mia formazione mi ha lasciato un impianto che ho riconosciuto in molte di loro. E l’idea di parlare a un pubblico di ragazzi mi fa un grandissimo piacere. Continua a leggere

CHE BORDELLI, MILANO!

bordelli e casotti milanes.JPG

A 60 anni dalla Legge Merlin, celebrati lo scorso 20 febbraio, non è ancora troppo tardi e forse mai lo sarà, per compiere un viaggio nei luoghi della prostituzione di Milano. Cartina della città alla mano, ma soprattutto una preziosa guida narrata, Bordelli e casotti milanesi”, pubblicata da Meravigli Edizioni, sempre attenta ad aspetti della città e dei cittadini milanesi, non banali.

Condotti “per mano” da Luigi Inzaghi, musicologo e giornalista, insegnante di lettere e autore di molti libri su Milano, oltre che collaboratore de il Corriere della Sera e il Corriere d’Informazione, i lettori si possono aggirare nella Milano di una volta scoprendola costellata di case chiuse. Continua a leggere

STORIE DI MINORI MIGRANTI, ILLUSTRATE E IN MOSTRA

STORIE MIGRANTI CLAUDIADal 24 marzo espongono al Milonga cornici di via Ripamonti 6 per 15 giorni, ma con le loro immagini e le loro parole, arricchite dal tocco di Michela Nanut, stanno già raccontando quello che hanno visto e ascoltato, percepito e sentito. Sono Claudia Bellante e Mirko Cecchi. Lo scorso settembre sono stati a settembre in Sicilia con l’ONG Terre des Hommes per intervistare e ritrarre dei ragazzi stranieri arrivati da soli in Italia. Tutti partiti a 15 o 16 anni verso l’Italia in cerca di nuove opportunità per dare una mano alla famiglia lasciata nel Paese di origine, per studiare, per scappare alla tratta.

Quelli ascoltati da Bellante e Cecchi sono quelli sopravvissuti dopo aver attraversato il deserto geografico e l’inferno umano, tra torture, rapimenti, violenze sessuali. Ritratti in uno scatto, messi nero su bianco in poche intense righe e trasformati dall’arte di Nanut, saranno i protagonisti di una mostra e allo stesso tempo portavoce di un progetto, il Faro, di Terre des Hommes che grazie ai fondi Intesa San Paolo, a Milano ha appena offerto 40 borse lavoro per l’inclusione sociale a giovani migranti tra i 17 e i 30 anni, richiedenti asilo o regolarmente residenti nell’area della città metropolitana di Milano.

Quando e come siete partiti per questo progetto?

Da tempo avevamo il desiderio di collaborare con una ONG perché spesso si muovono in realtà complesse dalle quali siamo attratti e che con il nostro lavoro normalmente raccontiamo. Ad una conferenza abbiamo incrociato Paolo Ferrara di TDH, è stata l’occasione per presentarci e per conoscere il progetto Faro che desideravano in quel momento “promuovere” per capire cosa stava accadendo in Sicilia. Lì gli sbarchi – in particolare al porto di Pozzallo dove TDH opera – non si fermano. Continua a leggere

CARNE E NUVOLE PER IL COFFEE BREAK

Carne e nuvoleScorrendo l’indice tematico si intuisce subito che ci si trova di fronte ad un mosaico di storie e di vite in cui tuffarsi senza regola alcuna se non quella di fidarsi del potere della fantasia e dell’immaginazione. E dell’autrice che già molti conoscono per via dei suoi romanzi scritti a 4 mani assieme a Giorgio Maimone.

Lei è la scrittrice, giornalista, critico cinematografico Erica Arosio, con Morellini Editore ha appena pubblicato “Carne e nuvole”. Copertina giallo carico, con un libro e un caffè fumante sopra, e la frase che spiega solo in parte ciò che l’opera contiene. “100 storie corte come un caffé”. Un caffè rigorosamente italiano, certo, perché le storie di Arosio sono corte davvero e ad ogni pagina portano il lettore nel bel mezzo di una esistenza nuova. Continua a leggere

IL CASO KELLAN, MADE IN MILAN

IL CASO KELLan.JPGUn giornalista, come lui, cronaca nera, come quella di cui spesso scrive, Milano, la città dove è nato, cresciuto e vive. Un romanzo autobiografico, quello di Franco Vanni? No, un thriller avvincente che si intitola “Il Caso Kellan” e racconta una Milano da insider, molto attuale e decisamente animata. Pubblicato da (Baldini&Castoldi), questo è il secondo libro di Vanni dopo “Il clima ideale” (Laurana Editore).

Dopo l’esordio con Il clima ideale, e il successo che ha riscontrato, eri “timoroso” di tornare a scrivere?

Dopo la pubblicazione de “Il clima ideale”, per un po’ non volevo saperne di scrivere. La trafila di stesura, editing e promozione mi aveva fatto venire voglia di … andare in bicicletta! Per qualche mese non ho toccato un libro e ho fatto dei bellissimi giri in bici. Poi – mentre scrivevo per Mondadori un saggio sulle banche – ho fatto un periodo di letture intense, soprattutto di gialli, senza pensare che avrei presto scritto un secondo romanzo. A un certo punto, mentre leggevo libri di altri, mi sono accorto che una nuova storia stava prendendo forma nella mia testa. E così mi sono messo di nuovo alla tastiera per dare forma a “Il caso Kellan” Continua a leggere

LE FERITE DI ELEONORA, ORIGINALI E VIVE

ferite caruso.JPGSono reali e fresche, feroci ed effettivamente originali le ferite raccontate da Eleonora C. Caruso nel suo nuovo libro, pubblicato con Mondadori, “Le ferite originali”. Sono le ferite dei protagonisti ma anche quelle della città in cui questo romanzo è ambientato, Milano, una Milano che l’autrice descrive non paesaggisticamente ma visceralmente. La mette a nudo e racconta i suoi cittadini, le sue nevrosi e quanto di più perverso, moralmente e letteralmente, vi accade.

Il 23enne Christian Negri è il protagonista ufficiale della storia, un ragazzo in grado di sedurre chiunque, bellissimo, e affetto dal disturbo dello spettro bipolare che lo porta ad un continuo rimbalzare tra euforia e depressione. Un’alternanza quasi surreale se non fosse che Caruso la racconta al meglio, non nascondendo gli eccessi tipici del problema ma allo stesso tempo non confinandoli ad un settore psichiatria. Continua a leggere

TRAME D’ASSENZA IN VERSI

trame d'assenzaUn poeta esordiente, Davide Uria, che fa anche l’illustratore, ma i suoi versi non hanno nulla a che vedere con le sue opere artistiche. Ha pubblicato con Augh! EdizioniTrame d’assenza”, la sua prima raccolta pervasa dalla malinconia. Non fatica a dichiararlo, anzi, rende questo sentimento la leva delle sue creazioni, perché si tratta di una “sana malinconia”, quella del perdersi e ritrovarsi, nella vita e nei suoi versi penetranti ed essenziali.

Perché questo titolo?

“Trame d’assenza” è il titolo che ho scelto per rappresentare la mia raccolta. L’assenza descrive esattamente l’atmosfera dell’intero lavoro. Ogni verso e ogni poesia è una traccia, un frammento di un percorso dove si alternano presenze e mancanze. In tutte le composizioni c’è un sentimento di malinconia; un sentimento di odio e amore costante, quello che ti fa amare qualcosa quando ne senti la mancanza e te la fa odiare quando diventa un’abitudine. Una malinconia fatta di ricordi annebbiati e di elementi che non tornano; una sana malinconia dove si avvicendano assenze e vuoti, tristezze e gioie. Continua a leggere