BAR ATLANTIC

ImageIl precariato, quello milanese, “fatto di giovani che non si perdono d’animo e sorprendono con invenzioni creative”, e la Milano dei nonluoghi, “vivace, multietnica, multiforme e variopinta”, sono al centro del romanzo di Bruno Osimo, “Bar Atlantic” pubblicato dalla Marcos y Marcos.
Insegnante di traduzione alle Scuole Civiche e in alcuni atenei milanesi, e non, Osimo con qualche pennellata autobiografica e molte altre ispirate alla Milano e al mondo dei giovani che ben conosce, racconta la storia di Adam, “un precario della scuola, della vita e dell’amore: un casalingo inquieto che venera sua moglie pur tradendola con 5 altre, una in ogni citta’ in cui lavora”. La “ragnatela” tessuta da Adam con i suoi viaggi e le sue relazione e’ Milano, ma nel libro sono raccontate anche Alessandria, Bergamo, Pavia, Verona e Treviso dove si reca per lavoro settimanalmente. E poi c’e’ il treno, e le stazioni ferroviarie, i tram “e i suoi pendolari monogami” ben diversi da Adam che, nell’indecisione, si giostra con una moglie e una amante per ogni citta’ in cui fa da pendolare.
Se da Milano, ha preso ispirazione per la scenografia – il bar Atlantic di cui parla e’ quello del supermercato di via Palizzi, verso Quarto Oggiaro – per i personaggi Osimo si e’ rifatto al mondo della scuola raccontando non solo delle grandi speranze dei suoi alunni ma anche dei concorsi truccati e dei contratti di insegnamento “multiformi”.
Intanto dalla finestra sulla generazione a cui oggi insegna a tradurre dall’inglese all’italiano, Osimo osserva e prende appunti, forse per un prossimo libro: “ho allievi agguerriti e pronti a conquistarsi la loro fettina di torta. Hanno una aspettativa spesso molto più’ vaga di quella che avevano i 50enni di oggi, pero’, e gli aggiustamente di rotta sono di gran lunga più facili”. Di rotte aggiustate, di rotte frammentate, a zig zag e soprattutto precarie, Adam, il protagonista, ne sa qualcosa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...