MILANO, L’OPERA OMNIA DI BRUNO PELLEGRINO

“Il Duomo, la Galleria, la Scala e il Castello, tra qualche secolo ci saranno ancora, ma gli altri angoli di Milano?” E cosi’ il ‘meneghinologo’ Bruno Pellegrino ha scandagliato le vie della citta’, vi ha condotto indagini e l’ha divisa in 6 “spicchi” da percorrere in senso antiorario, per raccontarla in un cofanetto di volumi dedicato, pubblicato con edizioni Meneghine. Un viaggio che Pellegrino ora propone con un ‘tour’ a tappe nelle librerie cittadine. 
“Porta Comasina” e’ l’ultimo “spicchio” percorso dell’autore, nato a Napoli, ma “diventato presto milanese”, e lo ha presentato ieri proprio in Galleria, alla Libreria Rizzoli, ripercorrendo idealmente tutto il suo viaggio, partito da Porta Vercellina, e proseguito attraverso le altre porte, Ticinese, Romana, Orientale e Nuova, per raccontare Milano a 360 gradi attraverso cortili, strade, botteghe, sagrati ma anche curiosita’ toponomastiche o un po’ leggendarie.
“Alla ricerca di quelle schegge di passato che ancora si nascondono in questa metropoli”, e’ lampante dalla varieta’ e dal tono del libro, quanto ad essersi divertito sia stato per primo lo stesso autore che, tra le righe, comunica un grande attaccamento ai luoghi “trascurati” di Milano. Accelera il passo, davanti ai luoghi troppo gettonati, lo rallenta, e il lettore con lui, davanti ad una fontanella panciuta, nascosta in un parco, o in un cortile in cui a nessuno viene la curiosita’ di entrare. Oppure dabati a una targa che, seppur in una piazza centrale, da nessuno viene letta: non suscita curiosita’, o meno delle insegne luminose affianco.
Tutto cio’, Pellegrino lo fa con l’intento di lasciare una guida di quella vecchia Milano “che gia’ oggi, purtroppo, inesorabilemente va scomparendo.
Se io ci sia riuscito, stara’ a ciascun lettore giudicarlo”.
Nella “fetta” di Milano descritta in “Porta Comasina”, c’e’ la Pietra dei Falliti, in una inedita Loggia dei Mercanti, il ricordo di un caffe-confiteria vicino alla chiesa di San Protaso, la Contrada di Tett, e quella delle Vacche, l’osteria della Mezza Lingua e il fantasma della via della Frutta, che oggi non esiste piu’.
Luoghi e storie che riportano indietro con gli anni, e che nelle pagine di Pellegrino sono accompagnate da fotografie in bianco e seppia, e da mappe e cartine dell’epoca, qualche disegno, tutto in sintonia con il tono “retro'” ma mai malinconico di tutti e sei i volumi.
Pellegrino, chiama in aiuto anche tanti personaggi celebri che hanno intrecciato la propria carriera con la storia della citta’: Kafka, il Parini insegnante, l’archietto Luca Beltrami, Emilio de Marchi, solo nell’ultimo libro, a cui se ne aggiungono molti altri inseriti nei precedenti
Attento ricercatore di “sorrisi d’arte e brandelli del passato”, con una pazienza rara per chi passeggia a Milano, Pellegrino offre l’occasione di scovare ancora i lineamenti della Milano d’altri tempi, “tratti meneghini oggi dispersi nel fitto groviglio della moderna edilizia”.
Itinerante, proprio come i suoi libri, Pellegrino nelle prossime settimane presentera’ gli altri volumi, “in ordine sparso, in librerie sparse per la citta’”: il 31 ottobre alla Feltrinelli di via Manzoni si parlera’ della zona di Porta Nuova, il 14 novembre Porta Orientale e’ la protagonista dell’incontro della sede della Libreria del Corso, in Corso Buenos Aires, e due giorni dopo, il 16, Porta Ticinese lo sara’ nella sede di corso San Gottardo. Porta Vercellina, e’ stata “adottata” dalla Libreria Touring, in piazza De Angeli, il 27 novembre, e il 29 in corso Italia, si conclude il tour con Porta Romana.

Annunci

Una risposta a “MILANO, L’OPERA OMNIA DI BRUNO PELLEGRINO

  1. Buongiorno a Voi e complimenti per la pubblicazione delle antiche porte di Milano di Bruno Pellegrino. Sono uno storico di San Giuliano Milanese. Sono rimasto colpito dall’amore e dalla cura che l’autore ha trasferito nella sua collana che sento il bisogno di esprimergli la mia ammirazione. E’ per questo che Vi chiedo se è possibile metterci in comunicazione. Vi ringrazio dell’attenzione dedicatami e Vi porgo cordiali saluti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...