YES I AM, L’ADOLESCENZA A TEATRO

Rocco e Martin. Jeans e t-shirt. Musica e graffiti, testi di canzoni scritti su post-it, gialli e un matitone con cui scrivere frasi mal pronunciate. Martin ha gli occhi coperti da un cappellino, detta il passo dello spettacolo e sputa slogan in inglese. Rocco li traduce, a modo suo, con gli occhi spalancati, un difetto di pronuncia, e una sensibilita’ piu’ indifesa dell’amico. Entrambi, a loro modo, dicono “Yes I am”. E’ cosi’ che al Teatro Elfo Puccini il secondo appuntamento della rassegna “Nuove Storie” racconta l’adolescenza, con lo spettacolo visionario, ritmato e a tratti ottimista scritto e diretto da Alessandro Rugnone, gia’ di casa sullo stesso palcoscenico come autore in “The history boys”, “Shopping & fucking” e “Romeo e Giulietta”.
Alternate da una colonna sonora calzata a pennello sull’eta’ e gli umori dei due protagonisti, Martin (Viola Carinci) e Rocco (Daniele Giacomelli), le scene vedono i due ragazzi camminare , urlare, arrabbiarsi, gioire, danzando con i corpi e con le parole anche quando la musica cessa. Negli spezzoni non sempre legati, quasi a rendere lo spettacolo uno studio, piu’ che una narrazione, si intravedono elementi ben riconoscibili in gruppi di adolescenti che bazzicano in metro, ad esempio. Lo spettatore potrebbe avere un deja vu nel sentir parlare di graffiti, di anziane signore “che rompono le palle, perche’ stavo dando un po’ di colore a ‘sto schifo di posto”. Oppure sentendo ‘rappare’ tra i denti qualche verso innamorato e impacciato, ispirato a Jovanotti, “che e’ un grande, mentre i Sottotono hanno sbagliato tutto”. Tra gli sfoghi di Martin, il piu’ graffiante ma anche il piu’ esplicito, quello sul controllo: “non mi controllo. Ma perche’ a scuola non ce lo insegnano, il controllo. Invece ci rifilano solo dei ruoli”.
Questa sperimentazione di antropologia originale e necessaria che rivela qualcosa in piu’ degli adolescenti, milanesi e non, va in scena al teatro dell’Elfo fino a domenica 4 novembre. Stasera aprira’ la serata Enrico Ballardini con la sua chitarra “Margherita Bradamente” e un pezzo inedito, giovedi’ sera, invece, e’ la volta di Stefano Edda Rampoldi cantautore solista.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...