LETTURE DA OMBRELLONE PER I PICCOLI

9788867140848Un amico con un segreto, un nonno spericolato da andare a “recuperare” in città, un cane poetico e molto espansivo, di stirpe ungherese, e una maestrina estiva che si rivela una fatina dei giochi: l’estate presenta sempre delle sorprese, dietro ad ogni copertina, rigida o morbida, lucida o meno, ma la Libreria dei Ragazzi ne consiglia quattro veramente irresistibili dedicate ai giovanissimi che, chiusi i libri di scuola possono lasciar correre la fantasia tra le pagine di un libro. Le storie consigliate giocano con note delicate e allo stesso tempo divertenti, mai scontate, come vuole la tradizione di via Tadino.
“Le vacanze della principessa Carlotta”, raccontate da Stefano Bordiglioni con Emme Edizioni, potrebbero essere compromesse dal padre che, non vedendo neanche un 10 nella pagella della sua futura reginetta, le impone lezioni estive. Nonostante il nome, Severine, l’istitutrice assegnata a Carlotta, la stupirà: tanta serietà nell’insegnamento, ma poi si rivelerà una divertente compagna di giochi.
Un altro libro dal risvolto inaspettato ma con un tocco di mistero in più è quello di Chiara Carminati: “L’estate dei segreti” (Einaudi ragazzi). Scritta per i più grandicelli, l’avventura è quella di Dario che, ormai arreso ad una noiosa estate nella villa di campagna in compagnia di noiosi zii, e soprattutto zie, incontra Simone. Simone ha la sua età, è un buon compagno di giochi, scoperte, bagni, corse, marachelle, ma nasconde un segreto che metterà in crisi di coscienza lo spensierato Dario in versione estiva permettendogli però di maturare.
Tutto altro tono, spassoso e poetico, quello dell’amico estivo nato dalla penna di Jutta Richter: si tratta di un cane, di un pastore di razza delle steppe ungheresi, Anton, protagonista di “Io sono soltanto un cane” (Beisler editore). Sarà proprio il suo irresistibile “io” a raccontare al lettore le difficoltà di comunicazione con gli umani, con quella lingua così corta e la lentezza di pensiero, i ricordi d’infanzia, la rivalità con il gatto di casa, la scuola di addestramento.
Gioca invece sulla contrapposizione tra città e campagna l’estate raccontata dalla bimba protagonista de “Piccola Peg va in città” di Alessandro Gatti, di una potenza poetica estrema, anche grazie alle illustrazioni di Giulia Sagramola. Edito da Il Castoro, il libro racconta la trasferta che la nipotina Peg fa dalla campagna in città per recuperare il nonno di cui da 5 giorni ha perso le tracce. Il vecchio Mint si è infatti cacciato in un brutto guaio con “traffici illeciti di latte” e Peg arriverà a dargli una mano approfittando per sperimentare la vita metropolitana.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...