FANTASY PER LA ‘BASSA’

ultima-notte-di-nebbia_MEDStreghe, fantasmi burloni, draghi, creature fatate, due maghetti alle prese con l’incantesimo dell’adolescenza e il Ciribecco, terrificante mostro della nebbia che rapisce da secoli le giovani donne, personaggio immancabile trattandosi della prima e unica trilogia di fantasy “padano” firmata dallo scrittore medollese Luca Marchesi ed edita dalla monzese Leone Editore. Prima del prossimo episodio Marchesi però affronta una avventura diversa: è sempre magica, ha a che fare con scomparse e incantesimi e con la nebbia, ma è la nebbia “mediatica” , quella che sta calando sulla Bassa modenese, devastata dai terremoti del 20 e 29 maggio 2012.
Ecco allora che Marchesi e Leone Editore ripropongono la trilogia ambientata proprio nell’area a nord di Modena, il “cratere” del sisma, dove il terremoto ha picchiato più duro, per scacciare assieme a Francesco e Daniela, i due maghetti protagonisti, l’ombra dell’oblio. Partendo da “L’ultima notte di nebbia. Il mostro e le streghe della Bassa”, per poi divorare il seguito con la_maledizione_della_pioggia_MED“La maledizione della pioggia. Le sirene e le streghe della Bassa” e “La battaglia finale. I Tempestari e le streghe delle Bassa”, si può gustare il sapore delle leggende locali e del folklore racchiusi tra i fiumi Secchia e Panaro, sapore rimasto intatto nonostante i tremori del 2012.
Le pagine di Marchesi contengono la formula magica per non scordare i castelli, i monumenti, le chiese, le ville storiche che oggi non esistono più: sono un mondo “scomparso”, spazzato via dal sisma che, oltre ad uccidere, ha anche rubato l’anima della Bassa. la-battaglia-finale_LRGOltre ai luoghi “fantasma” e agli incantesimi, nella sua trilogia Marchesi propone anche reali percorsi lungo la via della crescita, fitta di desideri e paure. Dai primi amori, alla gelosia, alla paura di perdere la persona cara, alla ineluttabilità del proprio destino.
Francesco e Daniela, oltre ai propri poteri magici, hanno dalla loro parte Paola, la bellissima cartomante dei capelli rossi, e conosceranno anche il maresciallo dei carabinieri, Salvatore Milano, e Noemia, strega vecchia e saggia, unica ancora in grado di parlare il linguaggio degli alberi. Marchesi, invece, sa parlare quello dei giovani lettori sognanti, con quell’accento della Bassa che esce dalla sua trilogia come fiaba raccontata dai nonni, una fiaba sussurrata “per non dimenticare”.

LIBRI AMICI  L’ira funesta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...