FUMETTO A CHINATOWN

volume3L’INTERVISTA CON L’AUTORE  Milano, zona Paolo Sarpi. Diego Cajelli è nato lì, scrive noir e li ambienta nella sua città, adora l’action e le arti marziali: il suo eroe a fumetti non poteva essere che Long Wei quindi lo ha creato e lo ha portato in edicola. Pubblicata da Editoriale Aurea che per prima desiderava proprio una novità ambientata in Italia, con un immigrato come protagonista. Ecco quindi arrivare Long Wei, eroe di strada che ha conquistato lettori cinesi e milanesi, eroe senza distintivo, altruista e illegittimamente intraprendente, che affronta “piccoli” problemi della comunità di Paolo Sarpi muovendosi in quell’area grigia in cui le istituzioni non possono muoversi.

Cartolina_GenoCome è nata l’idea di questo fumetto? : Perché la comunità cinese di Paolo Sarpi? Prima ancora, perché a Milano? L’editore aveva chiesto una nuova serie a fumetti ambientata in Italia, con un immigrato come protagonista: una idea innovativa per il mercato del fumetto italiano, sia per l’ambientazione, sia per il cortocircuito “etnico” del protagonista. A fargli il mio nome è stato Roberto Recchioni, il nostro executive producer, ed ecco Long Wei. Scrivo noir, e quando posso li ambiento a Milano, la mia città natale. Quindi, Long Wei è l’evoluzione dei miei lavori precedenti come la serie Milano Criminale. Ho scelto un protagonista cinese perché sono appassionato di action e di arti marziali, e l’ambientazione in zona Paolo Sarpi è venuta naturale. Sono nato proprio in quella zona.
Viral5Che tipo è Long Wei? E’ un eroe di strada, affronta “piccoli” problemi, muovendosi in quell’area grigia in cui le istituzioni non possono muoversi. Non ha un distintivo, non sarebbe legittimato ad intervenire, ma lo fa. Lo fa perché è la cosa giusta da fare, anche se non dovrebbe, parlando da un punto di vista legale. L’ispirazione per il personaggio arriva da un servizio fotografico sugli studios cinematografici di Pechino. Un lavoro sulle comparse che ogni giorni vanno lì in cerca di fortuna pubblicato su Internazionale.
Viral1Che rapporto ha Long Wei con la città? La vive nella sua complessità, nelle sue profonde contraddizioni. La Milano di Long Wei non è una Milano da cartolina, è una Milano difficile, con le sue zone di luce e le sue zone di ombra, una Milano vera fino a un certo punto. L’idea è quella di raccontare qualcosa di “incredibile” che accade sotto casa tua, in posti veri: è realismo fino a un certo punto. Poi scatta la finzione e l’amplificazione scenica.
Biscotto2Chi legge Long Wei: più i cinesi o i milanesi? Abbiamo dei lettori cinesi, e dei lettori italiani. La cosa che li accomuna è l’affetto per il personaggio e per l’ambientazione. Durante un incontro in zona Paolo Sarpi avevamo lasciato alcuni numeri del fumetto in numerosi negozi storici del quartiere e l’accoglienza è stata grandiosa.
Com’è Milano come città in cui ambientare un fumetto? Suggerisce particolari generi o spunti? Dal mio punto di vista, narrativo, Milano non ha nulla di meno rispetto a New York o Londra.VP+LW_Geno E’ una metropoli eccezionale come ambientazione per una storia di genere. Lo sapeva bene Scerbanenco. Oggi la potenzialità narrativa di Milano è amplificata dalla presenza di una skyline riconoscibile, uno degli elementi visivi fondamentali per il fumetto e per il cinema. Milano è un crocevia di diversi e numerosi elementi, che si fondono assieme in un unico ambiente. Possiamo passare da un contesto narrativo legato alla “mala” classica, allo spionaggio industriale, all’alta finanza. Se scrivi gialli o thriller Milano è la città che fa per te.

*Il 20 settembre uscirà la quarta puntata di Long Wei

LIBRI AMICI Jimbo G Il Castoro detective

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...