LEA GAROFALO, UNA STORIA MILANESE

copertina_leaUna storia più milanese che calabrese, perché se l’antefatto si svolge lontano da Milano, le conseguenze della scelta di Lea Garofalo si manifestano con un effetto drammaticamente dirompente al nord, nel capoluogo lombardo, dove Lea Garofalo, testimone di giustizia ‘sottrattasi’ alla ‘ndrangheta e al compagno Carlo Cosco, trova la morte e un’orribile umiliazione, il corpo bruciato e ridotto a “un chilo e trecento grammi e a oltre duemila e ottocento frammenti ossei”, riconosciuti grazie a una parure in oro che Lea Garofalo aveva anche pensato di vendere. Si intitola ‘La scelta di Lea’ di Marika Demaria, edito da Melampo, il libro che ricostruisce la vicenda di Lea Garofalo e della figlia Denise, due donne che si sono sottratte alla morsa della criminalità organizzata finendo nel programma di protezione testimoni e vivendo in un sostanziale isolamento, peregrinando per l’Italia, dal 2002 al 2009. Fino al drammatico epilogo, nel novembre 2009: il sequestro e la morte a Milano. Non c’è romanzo, né finzione nelle oltre 150 pagine che raccontano le dettagliate deposizioni delle udienze (Carlo Cosco è stato condannato all’ergastolo in secondo grado), le smorfie degli accusati e le dichiarazioni dei legali. Un processo emblematico sulla drammatica vicenda di due donne che, come spiega Nando Dalla Chiesa nella prefazione, sono diventate un simbolo della ribellione alle mafie. Perché più che le loro rivelazioni, è il gesto, la decisione di rompere con l’obbligo dell’omertà, parlare con le forze dell’ordine, mettere nei guai il compagno e i parenti, avvicinarsi all’impegno costante dell’associazione Libera, che in questi anni si è sempre battuta per dare giustizia a Lea e ‘proteggere’ la figlia Denise. Una storia così drammaticamente unica da non poter che essere raccontata con le parole delle vittime e dei colpevoli, in un crescendo di indignazione. I funerali di Lea Garofalo si terranno a Milano, per volere della giovane Denise, oggi 20enne, sabato prossimo, 19 ottobre. Una scelta che fuga ogni dubbio: quella di Lea e Denise Garofalo è in tutto e per tutto un storia milanese.

LIBRI AMICI Buccinasco , Maledetta Mafia , Cacciatori di mafiosi 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...