FILASTROCCHE PER GIORNI DI FESTA

copQuelle tradizionali, quelle cantate e da ballare, quelle per fare la conta e anche quelle trasmesse in Tv. Ce ne sono di tutti i tipi, di filastrocche, ma ecco una selezione per trascorrere in allegria anche i giorni di vacanza più freddi e grigi che costringono a stare al chiuso. La Libreria dei Ragazzi spaziando nel vasto repertorio di rime per ragazzi propone quattro volumi sfiziosi e riccamente illustrati.
Il più “massiccio” è una raccolta di Bruno Tognolini che in “Le filastrocche della Melevisione” (Edizioni Gallucci) regala ben 150 operette scritte nel corso di diversi anni per il popolare programma televisivo “La Melevisione”. Le rime di Tognolini seguono la musicalità delle parole e allo stesso tempo si guardano intorno, esplorano il mondo, cercando di capirlo. Sono cariche di stupore, di scoperte, di saggezza. Ecco un esempio di semplicità e profondità: “La pace è una salita/ Si arriva con fatica/ Ma su c’è una sorpresa/ La pace è una discesa”.
Una raccolta ricca è anche quella di Emanuela Bussolanti, “An ghìn gò”, spiegata dal sottotitolo che è già esso stesso un divertimento da declamare: “filastrocche, canzoncine e stroccole da leggere ad alta voce per farsi venire la ridarella”. Edito da Il Castoro, il libro propone le rime tradizionali, tra le più conosciute e le meno frequentate, tutte commentate e soprattutto illustrate. I disegni, quasi delle vignette, giocosi e coloratissimi, arricchiscono ulteriormente le parole già spassose di filastrocche come “E’ arrivato l’ambasciatore”, “Crapapelata”, “Ma che bel castello”.
Oltre ai disegni, ad animare un libro di filastrocche, cosa può essere più adatto di un cd? Giovanna Pezzetta ha curato quello di “Rime per le mani”, scritto da Chiara Carminati con illustrazioni di Simona Mulazzani. Il progetto è dedicato alla primissima e prima infanzia, le edizioni Franco Panini regalano ai più piccoli tutta la sensibilità e la creatività di Carminati che invita il lettore a vivere le filastrocche con tutto sé stesso. Le rime proposte, infatti, possono essere animate a ritmo di CD giocando con il corpo, secondo le indicazioni dei disegni. E’ presto detto “Gioca la voce danzando coi suoni/ Cantano i piedi, le mani, le guance./ Ride la musica nelle canzoni/ Cantano gli occhi, le braccia e le pance./ Scegli la pagina che ami di più/ Gira la pagina e il libro sei tu!”.
Anche “Conte incantate” di Sabrina Giarratana è munito di CD, con musiche della Blue Penguin vocal band. Edito da Fatatrac e illustrato da Paolo Domeniconi, si tratta di un librone in cartone spesso con 12 filastrocche originali, molto brevi, e che possono essere usate come conte, anche, tanto sono leggere e ricche di immagini poetiche e sognanti.
“Conta e racconta, racconta e conta/ con la mia voce lascio un’impronta/ lascio un’impronta nella memoria/ che è più profonda della mia storia/ conta e racconta, racconta ancora/ una ogni giorno, una ogni ora/ le storie più belle di chissà dove/ son sempre quelle, ma sembrano nuove/ conta e racconta con occhi e bocca/ ora ho finito, sotto a chi tocca”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...