L’AMORE AL SUPERMARKET

coverAmore e cibo, e tanta Milano, tanta Milano e tanti milanesi, o meglio, “tante” milanesi, quasi da scegliere, proprio come i prodotti in fila sui banconi del supermercato dove si svolgono molte delle scene descritte nel nuovo libro di Guido Bagatta “L’amore è servito”. Edito da Fabbri e genialmente presentato all’interno del Carrefour frequentato da Andrea, il protagonista, con tanto di pescivendola Jessica presente (unico personaggio del romanzo rubato alla realtà senza modifiche), il libro è una piacevole compagnia. A chi è di Milano, o vive in città, regala la comoda sensazione di ritrovare i luoghi e le persone noti con la stuzzicante possibilità di guardarli con occhi nuovi, quelli di un giornalista di mezza età, separato, senza figli, con tante donne attorno e una rubrica segreta da gestire. Per chi sfoglia il libro con poca o nulla conoscenza della città, “L’amore è servito” è invece la perfetta via di mezzo tra un cumulo di clichés meneghini e la loro puntuale smentita. Ottima ginnastica per la mente anche per chi conosce la città. Perché, al di là della storia (che non è lecito raccontare), se si incontra la cassiera un po’ chiacchierina, poi la si scopre esperta di cinema, matura e responsabile, e che si fa carico delle liti tra i genitori. Se si incontra la “sciura milanese” poi, dal suo hard disk e dalla sua partenza improvvisa oltreoceano, si comprende che di sciure “standard” milanesi non ce ne sono poi tante. Così si potrebbe continuare all’infinito con tutte le donne che compaiono, pagina più pagina meno, nel libro di Bagatta. A sorprendere è anche il protagonista, ricco di tratti autobiografici, e tutti questi ribaltamenti avvengono in modo naturale, senza rulli di tamburo, raccontati da una voce che conosce la città e cittadini. Sembra che li ami e che voglia nel raccontarli mostrare che, anche a Milano, la vita è normale. Non “milanese” ma normale: di liti, di amori, di pazzie e di noia. Di sogni, anche, e anche tra gli scaffali del Carrefour.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...