VENERE IN SOFFITTA

venere-in-soffitta-zanzaniNon sempre ciò che è impolverato annoia: a volte, proprio dietro ad uno strato di granelli accumulatosi su un oggetto in soffitta c’è qualcosa che sa sorprenderci. Addirittura con fare trasgressivo. E’ il caso della bella “Venere in soffitta”, sia nel senso di oggetto, ballerina meccanica fabbricata a Vienna, sia nel senso di libro. Di ebook, precisamente, quello scritto da Giovanni Zanzani, terzo vincitore di IoScrittore 2013, torneo letterario online promosso dal gruppo GeMS.

L’abilità dell’autore, trasferitosi in epoca lontana e in provincia di Ravenna, dove in verità è nato, per scrivere nel periodo del boom economico del dopoguerra, sta nel saper raccontare una società, ma soprattutto un amore, indossando i panni di un insospettabile maggiordomo incartapecorito e dimenticato dalla comunità, seppellito in una villa la cui padrona è deceduta. Si tratta dell’antica dimora di Palazzo Salastra: morta la signora Salastra, agli occhi di una Italia che si risveglia scoppiettante, la casa sembra restare indietro. Nelle stanze chiuse a chiave ogni sera, invece, tra soffitta e cucinino, sboccia un amore su cui punta l’obiettivo della telecamera di Zanzani. Lui, abile e delicato, misurato ma anche coinvolgente, ne documenta l’evoluzione senza mai giudicare.
Il “vecchio” Astianatte non ha bisogno di frasi di encomio per dimostrarsi un uomo capace di grandi doni e attenzioni, coraggioso tanto da avventurarsi fin in Turchia con acciacchi e reticenze, solo per amore di Ulli, la “venere in soffitta” del titolo. Simpatia, pena o distacco che si possano provare per il protagonista, resta il rispetto verso questo amante con modi di fare d’altri tempi che qualcosa insegna. Molto, anzi, e ciascun lettore può, a modo suo, lasciarsi ispirare da questo bizzarro eroe del corteggiamento, anche senza ammetterlo pubblicamente, nella segreta intimità del processo di lettura. Terminato l’ebook di Zanzani, resta una sensazione di delicata magia, che così come scomparsa, piacerebbe veder ricomparire in un prossimo romanzo. Intanto la si può cercare nel suo sito ufficiale dove raccoglie romanzi, racconti e rubriche.

LIBRI AMICI Marcus Whilsby e l’avventura di Haltonbridge , Le colpe degli altri , Noi non siamo qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...