FESTIVAL MANTOVA ‘FORMATO’ RAGAZZI

logo_dataPur maggiorenne, quest’anno, il Festivaletteratura non dimentica i lettori più giovani, anzi, diventa sempre più consapevole della loro centralità. A dimostrarlo in modo lampante un programma ricco di appuntamenti a loro strettamente dedicati o di taglio intergenerazionale, dagli 0 ai 99 anni. Forse, la speranza è che l’entusiasmo e la voracità letteraria dei più piccoli – dati ufficiali la testimoniano – per osmosi o come virus, si diffondano tra il pubblico anche più maturo e restio alla lettura.

Ci prova subito, mercoledì, primo giorno di festival, Luca Scarlini, dalle 16.30 fino a sera, accogliendo tutti in un Palazzo delle Fiabe improvvisato a Palazzo Ducale. Lo storico edificio diventa una biblioteca da favola, con oltre 300 titoli ispirati alla tradizione letteraria italiana con favole anche di Gozzano, Calvino, Moravia e Citati, illustrate da artisti quali Sironi, Luzzati e Munari.
Ritorno alla realtà, in serata, con una lezione di giornalismo a cielo aperto, condotta da Christian Elia in piazza Leon Battista Alberti: sotto le stelle saranno letti i migliori progetti di reportage realizzati da 16-22enni di tutta Italia partecipanti all’iniziativa “Meglio di un romanzo (in bozze)”. Poi vincerà in migliore, a fine festival.
Intanto continuano gli appuntamenti curiosi e per curiosi, per scoprire “Quando la scienza è più avanti della fantascienza” con il fisico Valerio Rossi Albertini e Federico Taddia e il loro”Mantello dell’invisibilità” alle 11 di giovedì nell’aula magna Isabella D’Este. Tra le domande anche “Perché il touchscreen non soffre il solletico?”. Trovata o no la risposta, alle 15.30 nella stessa aula arrivano Francesco D’Adamo e l’Andersen 2014 Fabrizio Silei. I due autori, accomunati dall’ambientazione americana dei loro più recenti romanzi, si fronteggiano con la dolce mediazione della libraia Vera Salton. Dopo di loro Vanna Cercenà e Mario Desiati raccontano a Matteo Corradini i protagonisti dei loro libri, tutti migranti, a cui spesso viene chiesto “E tu da dove vieni?”. Per vedere, e aiutare, Biancaneve, alle prese con gli inganni della tecnologia alle 16, invece, bisogna raggiungere la milanese fisica, giornalista e scrittrice Monica Marelli (“La fisica del tacco”, “Hanno taggato Biancaneve”, …) al Museo Diocesano e arruolarsi nella sua squadra di esperti informatici per aiutare la fanciulla “tra tag, like, tweet e retweet”. La giornata di venerdì si va lontano, con l’immaginazione, creando cartoline da tutto il mondo e inviandole al piccolo asino Gaetano, protagonista di un originale graphic novel per piccoli. A dare una mano alle 10.15 nell’aula magna Isabella D’Este la sua creatrice, Silvia Vecchini. Quasi in contemporanea, ma per i più grandicelli, allo spazio Master, si svelano i misteri di memoria, sensazioni, emozioni, illusioni in “Cervello Cercasi” con l’aiuto di Riccardo Govoni.
Anche la mattinata di sabato è tutto un creare, immaginare e scoprire con autori in arrivo da ogni parte del Paese e “accampati” in vari angoli della città, anche in quelli meno scontati. Alle 19, ad esempio, per raccontare e, prima, visitare, “Il bosco dove tutto si trasforma”, Marco Di Domenico con Marco Bardiani e Alessandro Campanaro, chiama i giovani lettori delle scuole medie a raduno nella riserva naturale Bosco Fontana. Sempre per gli over11, ma nella più centrale aula magna dell’università, c’è una mattinata organizzata per imparare a “lasciare il segno”. Assia Petricelli, Sergio Riccardi, Pietro Scarnera e Tuono Pettinato, dialogando con Fabio Geda, illustrano le loro biografie per immagini, rievocando personaggi come Kurt Cobain, Primo Levi, Marie Curie, Franca Viola e Miriam Makeba.
Agli alunni delle scuole secondarie alle 16.30 l’autore Alberto Pellai e il filosofo della scienza Telmo Pievani parleranno di “Sesso e realtà” con Federico Taddia a dirigere e gli Scomoda Voce ad accompagnare con musica e voce: “Cosa rappresenta il sesso per gli adolescenti?”. Tutti assieme proveranno a rispondere. Ideale proseguimento di questo incontro è l’appuntamento alle 18.15 con lo scrittore e psicoanalista Luigi Ballerini e il premio Andersen 2014 Annalisa Strada che nell’aula magna Isabella D’Este parleranno di “Scelte”, in particolare, legate al corpo. Che si tratti di una gravidanza indesiderata o del vestito da indossare, soprattutto nell’adolescenza, è una scelta con la “S” maiuscola.
Dopo l’ultima notte a Mantova, arriva anche l’ultima giornata, la domenica, da trascorrere nell’aula magna Isabella D’Este a partire dalle 10.15 e improvvisarsi “Detective per un giorno” in occasione del microlaboratorio sul giallo guidato da Mario Sala Gallini, a metà tra gioco e scrittura. Pipa e lente di ingrandimento, oltre a foglio e penna, sono necessari per trovare il colpevole.
Dopo la pausa pranzo, alle 15.15, sempre Sala Gallini dirige un altro piccolo laboratorio interattivo ma stavolta incentrato sul tema del risparmio energetico dove saranno proposti esperimenti sull’energia per spiegare l’importanza delle azioni, individuale e collettiva, per la salvaguardia del bene comune. Sempre nel pomeriggio, per i più piccoli o per i lettori più sognatori, si festeggia con “Buon compleanno, Manolito!”. L’incontro è alle 14.45 al liceo classico Virgilio con Elvira Lindo e il suo occhialuto protagonista che, a vent’anni suonati, racconta a Federico Taddia e agli ospiti cosa vuol dire diventare grandi.
Quest’anno a diventare grande, maggiorenne, è proprio il Festivaletteratura che festeggia l’importante traguardo con un progetto ad hoc, “diciotto+” per orientare il festival al futuro. Lo fa logisticamente con la riapertura del campeggio del Festival e l’istituzione di festivalbus , il servizio di navette dedicate anche da e per Milano. Lo fa culturalmente, dando attenzione alle nuove voci della letteratura e spaziando senza barriere dettate dalla politica o da più personali pregiudizi. Per raggiungere sempre più lettori, poi, in questa edizione aumenta anche il numero degli incontri trasmessi in streaming con l’intenzione annunciata di mettere a disposizione entro fine anno video e registrazioni delle passate edizioni per i singoli e per le scuole.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...