TEATRI/IL PICCOLO ‘EXTRALARGE’ PER EXPO

TEATRI, PRONTA NUOVA STAGIONE DELLE SALE MILANESI - FOTO 2Palco occupato no stop per un anno e oltre, quello del Piccolo Teatro, in occasione di Expo 2015: si parte a settembre 2014 e si conclude a ottobre 2015, si tratta di un “presidio” culturale a 360 gradi e, vale la pena di dirlo, “spettacolare”.
Con sei nuove produzioni, quattro titoli di ripresa e altrettante produzioni per bambini, 11 spettacoli dal mondo e dalla stessa Italia, con Luca Ronconi, Guido Ceronetti e Toni Servillo a portare la bandiera tricolore, il miglior teatro sfilerà nelle tre sale – Strehler, Studio Melato, Grassi – a cui se ne aggiungerà una quarta, speciale, per Expo.

Si tratta del Chiostro di via Rovello, a cui si affaccia la sede di Expo stessa, e che dal primo maggio al 31 ottobre 2015, accoglierà festival e rassegne contaminate con cinema, scienza e musica, per declinare con maggior completezza il tema “Nutrire il pianeta, energia per la vita”. Oltre 250, infatti, sono gli eventi ad oggi previsti in questi 184 giorni, con tanto di sottotitoli in inglese per catturare i visitatori nello splendido chiostro che di Expo ha visto nascita e crescita.
Oltre a cibo ed energia, protagonisti della stagione extra-long del Piccolo sono i legami con le nuove geografie culturali, innanzitutto attraverso le lingue. Immediato pensare a quelle europee, al cinese o al russo – contaminazioni sulla bocca di tutti – ma il cartellone andrà ad esplorare anche il veneziano, il siciliano e un napoletano interpretato da Toni e Peppe Servillo, ospiti per un mese allo Strehler con Eduardo De Filippo.
Sempre dall’Italia, grazie alla collaborazione con l’Università Statale, arriva in scena l’impegno civile di “E io dico no” di Nando dalla Chiesa e Marco Rampoldi, risultato del lavoro dei ricercatori del Corso di Sociologia della criminalità organizzata diretto proprio da dalla Chiesa. Di diverso genere, ma sempre made in Italy, anche i due spettacoli proposti da Luca Ronconi (Lehman Trilogy di Stefano Massini e Le donne gelose di Carlo Goldoni), e quelli di nuova produzione diretti da Damiano Michieletto. Tra gli artisti italiani che nei 13 mesi arriveranno a Milano, per milanesi e non, anche Guido Ceronetti e Marco Baliani, mentre da fuori confine – da Francia, Russia, Argentina, Iran, Olanda, Spagna, Grecia, Israele e “resto del mondo” – per rafforzare il carattere internazionale di Expo, grandi nomi come Joël Pommerat, Ivo van Hove, Lev Dodin, Claudio Tolcachir, Daniele Finzi Pasca.
Senza quasi muoversi, da Milano per Milano, ad arricchire il cartellone e mostrare al mondo il lato artistico meneghino forse meno noto anche agli stessi cittadini, sul palco del Piccolo, su uno dei tre, sono previsti anche la Civica Jazz Band diretta da Enrico Intra, la Compagnia Marionettistica Carlo Colla & Figli, e le performance teatrali dei detenuti-attori del carcere di San Vittore, con l’eccezionale San Vittore Globe Theatre, e di quelli dell’Istituto Penale Cesare Beccaria che con la compagnia PuntoZero interpretano sul filo dell’ironia un emblematico “Errare humanum est”. In aiuto al Piccolo, sempre dalla stessa sua città, per spaziare tra cinema, musica e scienza, previste collaborazioni e incursioni anche del Milano Film Festival, MITO Settembre Musica, Milano Musica, Milano per Gaber, Souq Film Festival, Festival Mix Milano e Teatro Scienza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...