#ZANZAUNLIBRO, PAGINE PER IL CARCERE

Schermata da 2014-12-17 11:04:55Contro il pregiudizio di fondo che esiste una cultura alta, fuori dalle mura, e una di serie b, dietro le sbarre, e per evitare, come accaduto in passato, che le biblioteche del carcere di San Vittore siano viste come il deposito per libri di scarto, “dati via, più che donati” è arrivato #Zanzaunlibro: “l’occasione culturale per regalare, materialmente o con voucher da 5, 10, 15 euro, i libri che realmente servono ai lettori detenuti che li aspettano”.

Lanciata nel corso di Bookcity, lo scorso autunno,l’iniziativa prosegue e chiama tutti i cittadini a rendere il servizio bibliotecario di San Vittore “in grado di dare delle risposte, e titoli adatti, a persone che hanno ovviamente età, nazionalità, livelli di istruzione e capacità linguistiche differenti” spiega Cecilia Trotto, una delle responsabili del progetto e rappresentante della Casa della Carità in una squadra di soggetti coinvolti varia e peculiare. Sì, perché attorno a San Vittore e alle sue biblioteche si è formata una squadra multiforme come raramente accade, composta da soggetti pubblici e privati, interni ed esterni al carcere. Zanzaunlibro è infatti uno dei frutti del più ampio progetto “ “Biblioteche in rete a San Vittore” (realizzato grazie al contributo della Fondazione Cariplo e il lavoro sul campo di Centro Servizi Biblioteche Rionali, Fondazione Caritas Ambrosiana, Fondazione Casa della carità A. Abriani, Fondazione Culturale San Fedele, Sesta Opera San Fedele e Associazione Gruppo Carcere Mario Cuminetti). Per far sì che i milanesi “zanzino”, si sono uniti alla squadra, oltre a BookCity Milano, anche Aie (Associazione Italiana Editori), LIM (Librerie indipendenti Milano) e Hoepli.
Ad oggi, un paio di mesi, sono stati raccolti 60 libri e 130 euro di voucher, reperibili anche on line sul sito della libreria Hoepli, poi c’è qualche audiolibro, in vendita presso i Frigoriferi Milanesi, ma il lavoro da fare è ancora tanto. Di raccolta, sì, grazie alle librerie milanesi che si sono attivate (Libreria Cortina, Libreria Hoepli, Libreria Popolare Libreria Internazionale e altre in arrivo) ma soprattutto culturale. E’ importante che i cittadini vedano #Zanzaunlibro non come una buona azione “spot”, ma come un gesto culturale con benefici e impatti sull’intera società Se si fa, si fa bene, donando i titoli che servono e che i responsabili si sono presi la briga di indicare dopo aver “informatizzato e unito in un unico catalogo tutte e 7 le biblioteche di reparto, rivisto i materiali e scartato quei libri malconci o non adatti. E ora #Zanzaunlibro serve per rimpolpare la base con ciò che serve, è nuovo e in buono stato”.
Negli scaffali sparsi nei raggi del carcere, settore maschile e femminile, ad oggi ci sono circa 23mila volumi, ma tra i lettori c’è una varietà di lingue parlate e una voglia di aprirsi al mondo ed imparare, o di evadere con la poesia, che tutti questi titoli no bastano. Non per forza best-seller o titoli urlati dalle classifiche, “no grazie” ai libri da cantina svuotata: servono dizionari bilingue e frasari da consultare(italiano-arabo, italiano-rumeno, italiano-albanese, italiano-cinese, italiano-spagnolo, italiano-francese, italiano-inglese, italiano-portoghese, italiano-russo), oltre a corsi di italiano, tutto all’insegna dell’integrazione. E poi enciclopedie per immergersi nella filosofia o nella musica, nella medicina o nelle religioni, senza trascurare la psicologia. Manuali e libri di cucina e di sport sono molto graditi, e anche libri di satira o di viaggio, i saggi di letteratura e di arte, riempirono gli occhi e le orecchie di bello, e anche la musica. C’è poi chi preferisce distrarsi con la letteratura – “ma serve in lingua araba, rumena, albanese, cinese, spagnola, portoghese, russa” – altri invece studiano e vorrebbero sottomano il codice penale e il codice civile. e codice di procedura civile. La scelta è ampia, ma deve essere mirata, o meglio, guidata da Zanzaunlibro (zanzaunlibro@gmail.com )

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...