Archivi del mese: gennaio 2015

LAMPI DI SCIENZA (DIVERTENTE)

logo.lampiL’INTERVISTA CON L’AUTORE Diverte e informa, quasi all’insaputa dei suoi lettori/spettatori: ecco spiegato il successo di Luca Novelli e delle autobiografie di uomini di scienza pubblicate da Editoriale Scienza. Sfogliandole “il giovane lettore, avvolto nel racconto, nelle storie del personaggio e del suo tempo, si immedesima. Cresce insieme al racconto”. E Novelli non si stanca mai di raccontare, anzi, si diverte anche lui e tra 20 anni, sogna di scrivere “la scoperta del motore antigravitazionale! Inquinamento zero, non consuma carburanti, potente quanto basta, perfetto. Ho la fantasia che la scoperta del bosone di Higgs abbia aperto la strada alla sua invenzione. Sarà comunque un libro leggerissimo”. Continua a leggere

IL MESTIERE DI UOMO

veronesiNon medico, non opinionista, non ‘esperto di’, non “guru”: uomo. Uomo che sa fare il suo mestiere. Quale? Quello di uomo. Ma lui non è un uomo qualunque e, anche se il tono del suo libro è quello di chi vuol sembrare tale, scendendo da ogni presunto piedistallo, lui è e resta Umberto Veronesi. Celebre, per i suoi risultati nella medicina, ma anche per le sue opinioni. “Uomo di scienza” si legge sul retro-copertina, ma nel libro si legge ben altro. Di scienza, di religione, di salute, di amore, di figli, di istruzione, di civiltà, di società. E’ il suo spaziare agile in 150 pagine che toglie il possibile timore di leggere il suo “Il mestiere di uomo” edito da Einaudi, trovandosi di fronte alla summa di una vita densa di contenuti inaccessibili. Continua a leggere

PANCRAZIO FANTOZZI

copSiamo tutti Pancrazio? Siamo tutti apparenti e ‘utili idioti’ che si aggirano per le strade della propria città, si afflosciano sui divani per seguire cartomanti e canali sportivi, si avventurano in improbabili ricerche su fatti di cronaca e si prestano ad altrettanto improbabili film hard? No, non lo siamo. Ma spesso ci siamo dannatamente vicini, o forse dovremmo tutti prenderci un po’ del carattere di Pancrazio, per vivere la vita con meno peso, poca sostanza e molta tenacia. Continua a leggere

IL VIZIO DI CAINO

copertina_vizio_cainoLa copertina promette “Una Milano di club privé e di sesso estremo” e anche “Un’indagine serrata” e infine “Un noir travolgente”. Il libro non mantiene le promesse, no, perché va oltre e toglie il fiato, rivelandosi molto di più, molto meglio. Perchè l’indagine serrata non è che una parte de “Il vizio di Caino” costruito invece in gran parte intrecciando legami umani, quelli tra il protagonista e Micol, tra lui e il padre, tra lui e sé stesso. Sul “travolgente”, si può concordare, ma “noir” è una categoria che va stretta ad un romanzo multiforme e tentacolare come quello di Ferdinando Pastori pubblicato per Novecento Editore. Continua a leggere

LA FATICA FELICE

9788807090530_quarta.jpg.448x698_q100_upscaleL’INTERVISTA CON L’AUTORE   Il libro ha preso corpo partendo dalla convinzione che le cose di ogni giorno raccontino una storia, possiedano un loro peculiare linguaggio. Un pediatra, Paolo Sarti, e una psicoterapeuta infantile appassionata di letteratura per l’infanzia, Manuela Trinci, hanno incrociato le loro esperienze tessendo insieme una molteplicità di soggetti, di voci, di sguardi, di congetture e digressioni sul “pianeta bambino”. Ne è nato, pubblicato da Feltrinelli, “La giusta fatica di crescere”. Giovedì 29 gennaio, alle 17.30, alla Libreria dei Ragazzi (Via Tadino 53), sfogliandone le pagine assieme a giornalisti, esperti ed interessati, loro due in persona dimostreranno come “indipendenza, inciampi e fantasia siano i migliori alleati per diventare grandi”. Continua a leggere

IL DELITTO DELL’EXPO

delittoexpo-300x400L’INTERVISTA CON L’AUTORE  Tra passato e futuro prossimo, con un ‘filo nero’ comune: morti, crimini e una sola città, Milano. Paolo Roversi torna con due nuovi romanzi, in uscita a stretto giro. Il primo, un ebook per i ‘i Corsivi’ del Corriere della Sera, già disponibile sulle principale piattaforme, si intitola ‘Il delitto dell’Expo’ e riporta sulle pagine uno dei suoi personaggi più riusciti, il giornalista Enrico Radeschi, nato con l’esordio letterario di Blue Tango nel 2006; l’altro, in uscita il 12 febbraio, si intitola ‘Solo il tempo di morire’ (Marsilio) e trasporta il lettore nella Milano tutta nera degli anni 70-80, nel solco di ‘Milano criminale’, romanzo storico sulla ‘ligera’ milanese tra gli anni Sessanta e Settanta che Roversi ha pubblicato nel 2011 con successo e traduzioni in diversi paesi europei. Continua a leggere

FAVOLA NOIR

cop“Muto come un orsetto”. Cioè, affatto muto, perché l’orsetto in questione, Gosa, è la voce narrante dell’intero romanzo e di cose da dire ne ha. Caustico osservatore, prodigo di giudizi e commenti, sensibile nel cogliere luci e ombre della Milano da bere e della Milano che ha sete: Gosa è così. Il creatore di questo peluche che di morbido ha solo l’apparenza, è Helfrid P. Wetwood, 36enne milanese, avvocato, e chissà se spietato come lo è nello scrivere. Appassionato di pittura e disegno, e chissà se il suo stile artistico è impressionista e a colori forti come lo è quello letterario. Continua a leggere

NATO SETTE VOLTE

FARACI3D“Siamo tutti intrappolati in epoche che è più bello raccontare che vivere” e Tito Faraci, dopo aver inevitabilmente vissuta, a suo modo, e a suo tempo, quella anni ’80, sempre a suo modo, oggi, la racconta. Lo fa uscendo dal tracciato sicuro di sceneggiatore di fumetti e scrive una “traccia” pubblicata da Indiana Editore: si chiama “Nato sette volte” e va ad aggiungersi ai titoli della compilation narrativa in cui Matteo B.Bianchi sta collezionando romanzi dedicati alla musica. A parole. Continua a leggere