NONOSTANTE

6090011_404830Famiglia borghese, anni ’70, lombarda: toc toc, avanti? No, perché questa storia, lei, l’autrice non l’ha scritta per noi. Ludovica Candiani il suo “Nonostante” lo ha pubblicato con Gaffi Editore e con tutta l’intenzione di non farci sentire ben accolti. Lo si legge eccome, però, e d’un fiato, perché calamitati dalla potenza della sua narrazione e dal suo stile secco. Quasi trattando male i lettori, li fa sentire estranei e allo stesso tempo visceralmente coinvolti.

Inevitabile, vista l’aria di famiglia normale e dolorosa che si respira. C’è la violenza del padre sulla figlia e il coraggio di ricordarla, di non tacerla, per sé stessi, neanche davanti al’autore di essa, invecchiato. C’è il dolore della malattia della madre, mescolato alla rabbia nei confronti di chi ha visto sempre e sempre ha taciuto. La protagonista cresce in tutto questo, con chi la legge, pagina dopo pagina, raccontando in un flusso di realtà quasi senza filtri che fa sembrare il lettore nella sua testa. Non è così: le parole e le frasi non sarebbero così nette. In Nonostante, infatti, il flusso di emozioni e di racconti suona spontaneo ma è abilmente filtrato e selezionato in modo che, come un bisturi, tagli di netto la pelle di chi, nonostante tutto, vorrebbe non sentire. Non guardare al dolore, alla malattia, a ciò che accade dietro alla porta a cui ha bussato pensando di trovare una felice famigliola. Anni ’70, lombarda. “Chi bussa, paga”, sembra dire Candiani, paga lo scotto dell’aver dato per scontato che in famiglia tutto va bene, e guadagna una lettura carica di spunti in cui potersi ritrovare o di situazioni in cui immergersi e soffrire, per poi poter catarticamente risalire in superficie. E alzare gli occhi dal libro, o dall’ebook, di Gaffi Editore, tornando alla propria realtà, famigliare, con una diversa interpretazione della famiglia “normale”, “classica”, “tradizionale”. Quella del libro, nonostante tutto lo è, lo sembrerebbe, eppure… Potente e selvatico, il libro di Candiani fa venire voglia di conoscere meglio questa autrice, nata nel 1970 a Milano ed ex alunna del liceo classico Parini, poi passata attraverso studi di Economia Politica per arrivare al mondo della comunicazione visiva. Oggi lavora in proprio, come direttore artistico, a Milano, e a Milano vive con la sua compagna e il suo cane. Nonostante “Nonostante” sia il suo primo romanzo, la maturità della scrittura è da decimo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...