Archivi del mese: giugno 2016

ESCALATION DI SANGUE ALLA SCALA

assassinio-titoloSanti Ambrogio, La Scala, la bella facciata di via Malpighi dietro a cui abita una vedova capo loggionista delirante. Michele Daglas, omaggio onomatopeico all’attore, alter ego di Santi, figlio di gente bene. È una cittá scossa da un attacco violento che scoperchia il suo tempio della musica nei giorni del santo patrono e della fiera degli oh bej oh bej ma soprattutto della prima, la Milano che il trio Besola-Gallone-Ferrari racconta in una nuova serie sempre a sei mani ma pubblicata per Centauria. Il titolo di questo primo atto, investigativo, del protagonista inventato ad hoc, è”Assassinio alla Scala“.

Continua a leggere

Annunci

LA VERITA’ DI BEZZON

la verità di giobbeC’é chi vive negli attici e chi nei cartoni, chi vive e chi muore assassinato, chi campa scrivendo di tutto ciò e poi chi indaga per scoprire i responsabili. Se poi chi indaga è di sesso femminile, e per giunta giovane, carina e determinata, tutto assume un tono di sfida e diventa una avventura da raccontare per svelare la vera Milano.

Lo ha fatto Emiliano Bezzon dopo oltre 10 anni da capo della Polizia Locale nella metropoli, ambientandovi il suo secondo romanzo per Eclissi editore. “La verità di Giobbe” è la verità, o per lo meno una delle tante veritiere cronache della città che oggi come da anni macina storie ed esistenze che uniscono piani bassi piani alti e scantinati, stracci e colletti bianchi, con la stessa disinvoltura con cui i suoi cittadini transitano per le vie e i cunicoli metropolitani spesso popolati da elemosinanti di ogni etnia.

Continua a leggere

IL BEETHOVEN DI MATTHIEU

beethoven ragazza capelli blu

INTERVISTA CON L’AUTORE. Rock in un casale isolato della campagna Toscana. Una bassista ventenne con un ciuffo blu ma per la testa musicisti come Debussy, Stravinskji e Beethoven, che da il titolo al libro in cui questi e altri contrasti non stridono ma su ritrovano in una comune e piacevole narrazione che, un po’ come una band, un po’ come la Philharmonia Orchestra, cantano le lodi della musica. Quale? Mai chiederlo all’autore, Matthieu Mantanus, perché la musica è una, è trasversale, è tutto. Autore di Beethoven e la ragazza dai cappelli blu”, appassionato di musica, divulgatore, musicista e molto altro, questo giovane armonioso ci racconta di persona non solo cosa risuona nel volume pubblicato da Mondadori, ma anche nella testa e nel cuore di chi alla musica ha dedicato e dedica anima e corpo.

Continua a leggere

IL MALE MINORE, ALLA NOTHOMB

il-male-minore.jpg

INTERVISTA CON L’AUTRICE.  Amore e odio, senso di colpa o di libertà, amore per la bellezza, a tratti un po’ vintage, a tratti sul volto umano di un giovane uomo: davanti a tutto ciò si può e si deve scegliere il Male Minore. Forse. Sicuramente si deve leggere il libro così intitolato, che l’esordiente Arianna Giancani pubblica con Ensamble Editore ed è lei stessa che pone la domanda senza sfuggire al prendere posizione ma lasciando aperto il dialogo. Con l’amica del cuore, nel mondo-libro, con i suoi lettori, nel mondo vero, in cui è ambientata la storia.
Seppur surreale, a tratti, con azioni e scene suggestive e sicuramente più poetiche di quanto non lo siano l’80% delle vite standard di molti, questo romanzo trasmette sensazioni più che autentiche. Arrivano infatti ad essere dolorose al solo leggerle. Al di là delle vicende quotidiane della 29enne Clementina, tra lavoro, mare e puntatine al mercato dove incontra il grande amore, c’è una trama fantasma, ne “Il Male Minore” ed è quella che procura il male maggiore. Turbamento, angoscia. Perché pone domande e non pretende di dare una risposta univoca.  Giancani ne da una coraggiosa e lascia spazio alla controparte. Che è il lettore stesso. Tutto ciò in poche pagine. 

Continua a leggere

L’ADDIO DI MORESCO

mores

Cupo e a tratti violento, con una scrittura non sempre scorrevole e luoghi difficili da immaginare. Surreali tanto da parere così potenzialmente reali che la mente di un lettore non ha voglia di immaginarseli. Di figurarseli nella mente mentre legge cercando evasione dopo una giornata di traffico e violenza, e invece se li ritrova all’ennesima potenza, senza filtri, nelle pagine di un libro.

Bisogna accettare la sfida di Antonio Moresco, per dire addio ai propri incubi entrandoci con due piedi su due, due occhi su due, puntati sulla pagine pubblicate per Giunti Editori.
Nel suo recente romanzo “L’Addio”, ci sono due città parallele, una dei vivi e una dei morti, c’è un bambino senza capelli che pur non vedendoci, vede troppo bene, troppo per chi è dotato di tutte le diottrie ma non ha pronto il cuore per lasciare che le immagini della realtà lo impressionino.

Continua a leggere

VIAGGIO ILLUSTRATO DI CASA IN CASA

come-casa-mia---310-310Geografico, tattile, avventuroso e socio-culturale, ma è prima di tutto nel mondo dell’architettura il viaggio che Caterina Lazzari propone nel suo “Come casa mia”, in compagnia delle immagini pulite ma allo stesso tempo suggestive della precisa e fantasiosa illustratrice Silvia Mauri. A pubblicare questo prezioso volume è Editoriale Scienza che nella collana “A tutta scienza” inserisce una pietra editoriale di pregio. Sia dal punto di vista estetico, sia dei contenuti che, distribuiti in 72 pagine, hanno un potente valore didattico e ludico. E soprattutto incuriosiscono, lanciano continuamente “esche” a cui la fantasia e l’immaginazione di chiunque non può non abboccare. Continua a leggere

LA VERSIONE DI HENRY

Io-e-Henry_prima_webLavoro, svilente. Matrimonio, fallito, e con la beffa di vedere la propria moglie spassarsela con l’ultimo uomo tra quelli che stima. Il resto? Il resto è crisi, dentro e fuori Tagliaferro, l’unica strada sembra la follia, e così l’io, incontra Henry, ed eccoli assieme. “Io e Henry”, i protagonisti e il titolo che l’esordiente Giuliano Pesce pubblica con Marcos y Marcos.
Henry è pazzo, nel vero senso della parola, Henry è pazzo ma non fa paura, è pazzo è basta, come un’altra persona può essere bionda o bassa, mora o alta.
Continua a leggere