VIAGGIO ILLUSTRATO DI CASA IN CASA

come-casa-mia---310-310Geografico, tattile, avventuroso e socio-culturale, ma è prima di tutto nel mondo dell’architettura il viaggio che Caterina Lazzari propone nel suo “Come casa mia”, in compagnia delle immagini pulite ma allo stesso tempo suggestive della precisa e fantasiosa illustratrice Silvia Mauri. A pubblicare questo prezioso volume è Editoriale Scienza che nella collana “A tutta scienza” inserisce una pietra editoriale di pregio. Sia dal punto di vista estetico, sia dei contenuti che, distribuiti in 72 pagine, hanno un potente valore didattico e ludico. E soprattutto incuriosiscono, lanciano continuamente “esche” a cui la fantasia e l’immaginazione di chiunque non può non abboccare.

Ed è bene che lo faccia, perché il tema su cui Lazzari chiama a riflettere è la casa e l’abitare.
Non “la casetta” delle fiabe, lontana miglia e miglia dalla realtà che i lettori, grandi o piccoli che siano, conoscono: sfogliando le pagine robuste e colorate del libro si entra a piè pari nel mondo vero, percorredolo in lungo e in largo, passando dalla baita isolata sui monti alle tipiche abitazioni delle solari isole greche, visitando le dimore che negli angoli più disparati del mondo ospitano oggi famiglie di ogni reddito e composizione.
Non soddisfatta, l’autrice porta i suoi giovani lettori anche a spasso nel tempo, li accoglie con un sorriso sulla soglia delle capanne dei primitivi e poi li aspetta all’ultimo piano dei grattacieli più ecologici e hi-tech del nostro tempo, senza disdegnare le case-bottega del Medioevo, i palazzi rinascimentali, e le dimore reali e non, costruite nelle epoche successive.
In un libro sull’architettura non poteva mancare un omaggio a chi progetta, almeno ai grandi nomi con cui i più piccoli possono iniziare a familiarizzare: Gaudì e Le Corbusier, o l’illuminato Frank Lloyd Wright e molti altri loro colleghi.
Prima di riporre il libro e tornare con la mente a casa propria, c’è tempo ancora per sognare. Lazzari da una mano stimolando ciascuno a immaginare la propria abitazione ideale spingendo con eleganza sull’importanza dell’aspetto green delle case e nel frattempo approfittandone per dispensare qualche nozione che sarà utile ai futuri architetti, e ai futuri cittadini, qualsiasi carriera sceglieranno. L’idea di “Come casa mia”non è quella di crescere una generazione di costruttori o progettisti ma una nuova leva di osservatori curiosi, sensibili all’aspetto sostenibile degli edifici, e soprattutto capaci di fermarsi a guardare i palazzi noti e spettacolari e, con medesimo stupore bambino, anche gli edifici comuni della propria città, qualsiasi essa sia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...