Archivi del mese: novembre 2016

DIETA LETTERARIA, PREFESTIVA

dieta-letterariaAllergie, intolleranze o passioni e irresistibili tentazioni. Onnivori o schizzinosi. A tavola ciascuno ha i propri indiscutibili gusti e anche con i libri, succede qualcosa di simile. Non sempre spiegabili, ma rigorosamente insindacabili, sono le scelte quando si catturano i volumi dagli scaffali di una libreria per poi sprofondare nella loro lettura leccandosi i baffi e umettando magari le dita per non saltarne pagine.

È tutta questione di “Dieta Letteraria“(I libro di Wuz – Editrice Blibliografica), una dieta poco nota, purtroppo, ma che rende le persone leggere o pesanti molto più di quanto faccia il cibo. A ricordarcelo con ironia arriva Francesco Marchetti che, prima le feste natalizie portino preoccupazioni di chilo accumulabili, ci consiglia il regime letterario per passare oltre. Continua a leggere

VERSI DI QUARTIERE

quartieri-di-poesia

La grande Milano, messa in versi, non può essere ben rappresentata in una sola volta, è necessario dividerla per quartieri ed è così che hanno operato le edizioni Meravigli. Tanti poeti, tante zone, una moltiplicazione di sguardi sulla città che ne sanno catturare angoli inediti. Oppure ne sanno raccontare lo splendore, da anni noto, con parole diverse, quelle di chi sa come incastrarle alla maniera di un architetto, abituato a ragionare sull’equilibrio della struttura.

Dividere Milano per quartieri non separa le zone mettendole in contrapposizione ma valorizza al meglio le peculiarità di ciascuna di esse moltiplicando l’attrattività del loro insieme. Continua a leggere

MILANO E LE OTTO MONTAGNE

otto montagne.JPG

Un milanese a lezione di montagna, di vita, fin dal giovane età, portato a confrontarsi con un paesaggio così immenso e immensamente selvaggio da sovrastare ogni abitudine e schiavitù cittadina. Così accade a Pietro, un bambino all’inizio di “Otto montagne” (Einaudi), il nuovo romanzo di Paolo Cognetti, amato scrittore nato a Milano ma che volge spesso lo sguardo verso paesaggi alpini, anche perché “Qualunque cosa sia il destino, abita nelle montagne che abbiamo sopra la testa”.

Senza trascurare ciò che è tangibile, rocce, laghi, pascoli e corsi d’acqua, l’autore non propone una bucolica gita fuori città bensì un seminario di vita con esperienze sul campo. Fatte da Pietro per tutti i lettori. Continua a leggere

OGGI E IERI, TENERI E VIOLENTI

teneri e violenti.JPGSaltellando tra anni Settanta Ottanta e anni 2016, Ivan Carozzi ha creato una esilarante e violenta descrizione di una Milano, solitamente difficile da catturare in un libro. “Teneri violenti” ci riesce bene, forse perché non pretende di spiegare ma racconta.

Racconta di un trentenne milanese che si innamora delle storie più strambe mentre, da redattore di una trasmissione in TV, si trova a scartabellare negli archivi delle notizie risalenti agli anni della sua nascita, e perfino a quelli precendenti. Ne viene quasi risucchiato, ma non resta vittima di uno sentimento malinconico, e neppure si trasforma in un amante del vintage. Continua a leggere

DALLA 3/a D A NOI 2

chiabrando.JPGTimida e sulle sue, docile e studiosa, “zitta-zitta” Bianca Chiabrando a furia di osservare un po’ in disparte i suoi compagni delle medie, li ha fatti diventare i protagonisti di una storia a fumetti così avvincente che non si sono affatto offesi. Anzi, l’hanno letta e rilette come molto probabilmente leggeranno la seconda opera della loro coetanea: “A noi due Prof”.

Pubblicato da Mondadori, questo libro come il precedente, intitolato “Il caso 3/a D”, è la versione della vita di classe vista con gli occhi di chi varca la porta delle aule scolastiche ogni giorno e si siede tra i banchi, mai in cattedra.

Il nuovo libro segue l’autrice milanese che dalle scuola medie è passata al liceo, raccontando come la “primina” Olivia si trovi di fronte Piero Pattume, un terribile professore che sbandierando le sue 25 regole riesce a impaurire e torturare tutta la classe. Continua a leggere

RACCONTARE LA MONACA DI MONZA

monaca-di-monzaC’è quella costretta in un convento in cui è rimasta anche oltre il dovuto, e quella ribelle e romantica: la Monaca di Monza è un personaggio che riserva sorprese ad ogni pagina del libro a lei dedicato, scritto da Lorenza Tonani e da Simona Bartolena. Pubblicato da Bellavite Editore, oggi è la trama della mostra che fino al 19 febbraio è visitabile a due passi dalla Villa Reale. Quella di Monza, ovviamente, città a cui questa figura femminile è legata a doppio filo anche per la notorietà assunta grazie all’opera di Manzoni: I promessi sposi. Continua a leggere