FREADOMLAND, IN PROVINCIA DI MB

Freadomland“L’umorismo per lo sviluppo della creatività” e “25 anni dopo, la verità su mani pulite”, “Alda Merini e tutti gli altri segreti di Alberto Casiraghy” e “I fumetti oltre le nuvole del business”. Satira e cronaca, poesia e comics, convivono in armonia solo nella terra della libertà e dei lettori, nella terra in cui i lettori sono liberi.

Si trova a Vimercate (MB), città che dal 30 giugno al 2 luglio ospita la prima edizione di Freadomland, un festival della cultura più autarchico d’Italia, ideato e organizzato da Carlo Amatetti per ribadire come non mai la libertà espressiva e produttiva a livello nazionale.

Dalla Brianza, dall’editore di una casa editrice già da anni impegnata su questo fronte, Sagoma Editore, parte una invocazione corale alla libera creazione e connessione di idee. Freadomland non è l’ennesimo festival dedicato alle case editrici indipendenti, non è la classica tre giorni estiva a sfondo culturale per animare “il paesello” e i suoi cittadini. La determinazione con cui vuole imporsi nel panorama culturale nazionale a 360 gradi con massima libertà è già chiara prima ancora che inizi. Si è autofinanziata, infatti, lanciando una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Eppela, e nel frattempo ha cucito un programma che non ha nulla da invidiare a festival rodate con decine di edizioni alle spalle.

In Piazza Unità d’Italia, infatti, sabato si parte con la simpatia di Maurizio Nichetti che con il suo “Volere Volare” alza la palla all’incontro successivo, a cura di Comics&Business, che illuminerà i presenti spiegando le potenzialità dei fumetti “oltre le nuvole del Business” con performance live di Emanuel Simeoni, disegnatore di Batman per la DC Comics e docente della Scuola Internazionale del fumetto di Roma.

Tra Flavio Oreglio, alle 15, e Stefano Disegni, alle 17, arriva a Vimercate Gianni Barbacetto per una parentesi di cronaca dedicata a Mani Pulite, 25 anni dopo. In serata un tocco di improvvisazione teatrale, con l’associazione culturale Improvincia, seguita da Roberto Mercadini, che racconta Shakespeare, a modo suo, e da Antonio Rezza e Flavia Mastrella, in scena con “Milano, via Padova: il razzismo secondo Rezza Mastrella”.

FreadomLand prosegue la domenica con musica e poesia, entrambe condite di ironia, tra gli appuntamenti in programma quello di Ciccio Rigoli – “Slam: editoria. Spettacolo, coworking e viceversa” – e quelli di Alberto Casiraghy, dedicato ad Alda Merini.

Per tutto il weekend sono previsti laboratori e seminari, stand di case editrici indipendenti e di realtà associative del territorio che hanno chiesto “cittadinanza” alla Freadomlan ideata da Amatetti, immaginando il piacere della libera espressione.

Di Marta Abbà

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...