IN EQUILIBRIO CON MINO

E non hai visto ancora niente“L’oro nasce dall’argento, il rosso dal bianco, il sole dalla luna, una coscienza più chiara dalla follia”. Sono parole di James Hillman che Emanuela Nava sceglie come epigrafe per il suo “E non hai visto ancora niente”, una parabola esistenziale di 119 pagine pubblicata da Edizioni Tralerighe con copertina illustrata da Desideria Guicciardini.

Si tratta di un libro per bambini, ma non è detto, quello che è certo, è che sia una storia forte, non per tutti ma solo per coloro che, al di là dell’età, stanno attraversando una “certa fase” per diventare quei sé stessi che ancora non conoscono bene. Che la “certa fase” sia l’adolescenza, oppure altro di più personale, non importa. La potenza della storia di Nava, dei suoi personaggi eccentrici e degli episodi simbolici con cui costella le pagine, non conosce barriere di età e formazione. Chi vuol vedere, con “E non hai visto ancora niente”, vede quel che Mino sta affrontando, e ciascuno di noi con lui.

Ragazzo solitario, che vive con la nonna, in estate, più isolato che mai, trascorre le sue giornate su un ponte sospeso a oltre 200 metri da terra, ben consapevole di corteggiare in tal modo il baratro che lo aspetta. Con lui ci sono la paura, il desiderio, un passato tragico che lo ha reso il Mino di oggi e la tensione della sfida quotidiana, estiva, che sta vivendo. Oltre ad una professoressa e ad un allevatore di oche, entrambi a loro modo surreali ma ciascuno a modo proprio, c’è anche una fanciulla nel racconto, bellissima, non a caso vestita di lustrini, visto che è lei che porta luce a Mino.

Con la sua leggerezza, la ragazza da una mano al protagonista nella sfida che sta affrontando, ambientata in un luogo irreale ma che risulta particolarmente fedele nel ritrarre il passaggio alla fase adulta che ciascuno vive, all’età in cui se la sente. Ecco perché Emanuela Nava ha racchiuso in un prezioso volume la potenza e la poesia della natura, la bellezza della fragilità umana, sapendo parlare a lettori di ogni età, ma di coraggio.

di Marta Abbà

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...