Archivi categoria: esordi

LA VERITA’, DA UOMO A DONNE

SCUSA SEC’è chi lo ha letto e si è offeso, chi lo ha invece regalato a tutte le donne della famiglia. Chi lo vuole tradurre e proporre al mercato estero e chi al solo sentire pronunciare il titolo, Scusa se ti chiamo stronzo“, si sente venire l’orticaria. Mirko Spelta ha scritto un libro che non passa inosservato, entra nel merito dei rapporti tra uomo e donna e lo fa con ironia e realismo, con leggerezza, da un lato, e dall’altro “andando giù pesante” come direbbero certi suoi protagonisti. Pubblicato da Piemme Edizioni, il libro è in vendita anche su Amazon e il suo autore spiega cosa c’è dietro e dentro.

Da quanto e perché ti sei focalizzato sul tema dei rapporti uomo/donna?

Credo che la chiave per vivere felici insieme sia capirsi e questo è un momento invece di grande conflittualità tra i sessi. Io sono sempre stato convinto che si possa davvero invertire la rotta ed essere gentili con il prossimo, comprensivi, sorridenti, insomma tirare fuori da noi la parte più buona e non sempre quella rancorosa, astiosa, aggressiva che troppo spesso è pronta sotto la superficie ed emerge immediatamente non solo nelle relazioni sociali ma anche nelle relazioni di coppia. Non passa giorno in cui per recuperare un po’ di click o di audience si mette in scena la parte peggiore dell’animo umano, per creare quel effetto shock che raccoglie facile attenzione. Io mi rifiuto di far parte del gioco. Continua a leggere

Annunci

TRAME D’ASSENZA IN VERSI

trame d'assenzaUn poeta esordiente, Davide Uria, che fa anche l’illustratore, ma i suoi versi non hanno nulla a che vedere con le sue opere artistiche. Ha pubblicato con Augh! EdizioniTrame d’assenza”, la sua prima raccolta pervasa dalla malinconia. Non fatica a dichiararlo, anzi, rende questo sentimento la leva delle sue creazioni, perché si tratta di una “sana malinconia”, quella del perdersi e ritrovarsi, nella vita e nei suoi versi penetranti ed essenziali.

Perché questo titolo?

“Trame d’assenza” è il titolo che ho scelto per rappresentare la mia raccolta. L’assenza descrive esattamente l’atmosfera dell’intero lavoro. Ogni verso e ogni poesia è una traccia, un frammento di un percorso dove si alternano presenze e mancanze. In tutte le composizioni c’è un sentimento di malinconia; un sentimento di odio e amore costante, quello che ti fa amare qualcosa quando ne senti la mancanza e te la fa odiare quando diventa un’abitudine. Una malinconia fatta di ricordi annebbiati e di elementi che non tornano; una sana malinconia dove si avvicendano assenze e vuoti, tristezze e gioie. Continua a leggere

MILANO-MONDO A/R

GiroGiro Mondo.JPGGiro del mondo con 20 guide al fianco, ma non spostandosi da Milano. E’ possibile da quando è nata Girogiromondo, la prima guida multiculturale della città pensata, scritta e realizzata da donne migranti che vivono nel capoluogo lombardo e presentata sabato 18 novembre al Mudec, nell’ambito di Bookcity.

Le 20 autrici sono compagne di corso al “Centro italiano per tutti” di iBVA, l’associazione non profit con sede in zona Navigli, studiano tutte lingua e cultura italiana. Portano con loro background professionali dei più diversi come anche esperienze personali variegate, sono egiziane, marocchine, peruviane, brasiliane, russe, ucraine, moldave, rumene e polacche, tutte abili nel trovare dove il proprio paese di origine fa capolino in città. Continua a leggere

EVERYCHILDISMYCHILD E HA DIRITTO A UNA FAVOLA

EVERYCHILDISMYCHILDDire 33 per fare del bene, per raccontare “storie vere e magiche di piccola, grande felicità” e devolvere il ricavato attraverso l’associazione #everychildismychild alla Onlus “Insieme si può fare” per ricostruire la Plaster School, centro educativo e rieducativo elementare per i bambini profughi al confine tra Siria e Turchia.

Dire 33 leggendo gli autori che hanno partecipato alla raccolta di racconti, pubblicata da Salani Editore, in cui le favole e chi sta vivendo la favola del successo, per la propria notorietà nel campo in cui sognava di sfondare, si è messo al servizio di quei bambini che soffrono.

Nell’indice di questa antologia troviamo i nomi di cantanti come Daniele Silvestri, Jax, Fedez e Giorgia, attori come Paola Cortellesi, Claudio Bisio e Luca Argentero, Luca Zingaretti e Violante Placido, e di molti altri personaggi noti. Continua a leggere

VANILLA SCENT, DEGNO DI NOTE

Vanilla ScentUn monito, un avviso, un warning, come dire “non voglio arrivare fino a questo punto”. Stefano Gianuario lo ha scritto, anzi, ne ha scritto un romanzo intitolato “Vanilla Scent”, “una luce accesa sul punto in cui, nella vita, non dovevo e volevo arrivare, un esorcismo letterario” lo definisce lui stesso, come se avesse voluto imprigionare su carta il confine da non oltrepassare per allontanarsene del tutto nella reale.

Dato un calcio ad un destino non desiderato, e nemmeno desiderabile, per i più, l’autore ha dato vita ad una storia viva e partecipata, in continua trasformazione, pagina dopo pagina. Pubblicato con Robin Edizioni, “Vanilla Scent” è il suo esordio letterario, se non si contano “Le cose di Jack”. Più che un’opera, spiega Gianuario, è stato un passaggio importante: “l’ho scritto a 18 anni, avevo ottenuto la prefazione di Cristiano Godano, leader dei Marlene Kuntz, band che amavo alla follia. Mi ha aperto un mondo, permettendomi di capire cosa volessi fare nella vita: scrivere”.

Come è cambiato il tuo approccio alla scrittura e nell’esperienza che offri al lettore tra queste due opere?

Tra l’una e l’altra, ci sono 15 anni di scrittura vissuta quotidianamente, con il mestiere di giornalista. Sicuramente lo stile – che comunque quello è – ha subito un’evoluzione. Per certi versi la lettura può essere diventata più piacevole, senz’altro più divertente e meno pesante rispetto agli estremismi dei vent’anni. Continua a leggere

I SOGNI NON FANNO RUMORE

Sogni non fanno rumore 1Meglio attaccare che difendere, nella realtà e nei sogni, anche perché “I sogni non fanno rumore” ma fanno bene a chi li utilizza per vivere meglio. Alla sua prima opera, Roberta Dieci scende in campo con un romanzo che è un evolvere continuo di vicende e di emozioni in grado di tenere i lettori in preda ad una sorta di “ansia” positiva.

Quell’eccitazione che regalano i libri di cui si vuole conoscere la fine ma non li si vorrebbe abbandonare mai. Continua a leggere

LEGGERE NON SARA’ SEMPRE COSI’

non sarà sempre così.JPGTerminato il libro non si è come prima, non la si penserà “sempre così” sulle carceri, sui padri, sui figli, sulle donne che subiscono violenza, sugli ergastolani, sugli assistenti sociali e sui giudici e i pm.

Non sarà sempre così è un libro che non può lasciare il lettore così come era prima di conoscere la storia di Luigi Celeste, da lui scritta con l’aiuto di Sara Loffredi e pubblicata da Piemme nella collana True Story. E altro che “true”. E’ meglio non farsi infastidire dai tecnicismi da tribunale e da un inizio “da palestrato fissato”: Celeste e il suo racconto meritano la fiducia del lettore anche più scettico di fronte all’ennesima “storia di carcere” e di “assassini pentiti”.

Passato e presente si passano la palla capitolo dopo capitolo lasciando intravedere che tutto prosegue bene per il protagonista – come si legge nella quarta di copertina – ma evitando di spoilerare in quale modo la realtà dei fatti e del sistema carcerario lo porterá a quello che oggi è il presente di 32enne responsabile della sicurezza informatica per varie aziende. Continua a leggere

GROTTA SMERALDA MA CUPA

grotta smeralda.JPGGrotta Smeraldo, già dal titolo si è avvertiti: “addentrarsi in uno spazio cavo, buio e che può fare paura, ma anche nascondere estrema bellezza”. Il romanzo dell’esordiente Barbara Bigagli, Giraldi Editore, risponde a queste aspettative, fin dalle prime pagine è intriso di dolore, poi arriva la bellezza del colore smeraldo. Non è immediato il ritmo che l’autrice propone al lettore, richiede tempo e voglia di entrare nel merito e nella mente della protagonista, anche condividendo emozioni negative.

Anna, la protagonista, è colta in un momento in cui ha da fare i conti con un matrimonio naufragato, la separazione, l’abbandono, il dolore e un nuovo amore. Mentre (non) gestisce tutto ciò, con la mente torna a sprazzi ai tempi dell’università e a quelli da ricercatrice ma soprattutto all’incidente nella grotta Smeraldo. Continua a leggere