Archivi categoria: Uncategorized

DALLA 3/a D A NOI 2

chiabrando.JPGTimida e sulle sue, docile e studiosa, “zitta-zitta” Bianca Chiabrando a furia di osservare un po’ in disparte i suoi compagni delle medie, li ha fatti diventare i protagonisti di una storia a fumetti così avvincente che non si sono affatto offesi. Anzi, l’hanno letta e rilette come molto probabilmente leggeranno la seconda opera della loro coetanea: “A noi due Prof”.

Pubblicato da Mondadori, questo libro come il precedente, intitolato “Il caso 3/a D”, è la versione della vita di classe vista con gli occhi di chi varca la porta delle aule scolastiche ogni giorno e si siede tra i banchi, mai in cattedra.

Il nuovo libro segue l’autrice milanese che dalle scuola medie è passata al liceo, raccontando come la “primina” Olivia si trovi di fronte Piero Pattume, un terribile professore che sbandierando le sue 25 regole riesce a impaurire e torturare tutta la classe. Continua a leggere

Annunci

RACCONTARE LA MONACA DI MONZA

monaca-di-monzaC’è quella costretta in un convento in cui è rimasta anche oltre il dovuto, e quella ribelle e romantica: la Monaca di Monza è un personaggio che riserva sorprese ad ogni pagina del libro a lei dedicato, scritto da Lorenza Tonani e da Simona Bartolena. Pubblicato da Bellavite Editore, oggi è la trama della mostra che fino al 19 febbraio è visitabile a due passi dalla Villa Reale. Quella di Monza, ovviamente, città a cui questa figura femminile è legata a doppio filo anche per la notorietà assunta grazie all’opera di Manzoni: I promessi sposi. Continua a leggere

UNA MILANESE CHE GIOCA COL SUSHI

sushigameSushi al centro di un libro di una milanese che lo adora ma non solo, adora il Giappone e tutto ciò che da lì proviene, o quasi, tanto da trascorrerci molti mesi dell’anno e da infarcire questo volume di arte, cultura, storia e storie nipponiche al 100%.
Pubblicato da Terre di Mezzo Editore,”The Sushi Game” è illustrato dal bravo Alessandro Mininno che con i suoi tratti accompagna le parola di Francesca Scotti, l’autrice, regalandoci una “guida banzai alla cucina giapponese”. Cioè? Ce lo racconta Francesca.

Perché un libro sul sushi, o meglio, perché hai atteso tanto a farlo, visto il tuo legame con il Paese?
In realtà questo è un libro non solo “sul sushi” nel senso che ho cercato di mescolare ingredienti meno noti della tavola giapponese, un po’ di storia sociale del cibo nipponico, riferimenti pop. Ad esempio quelli che appaiono alla voce “avvistamenti”, ovvero apparizioni dei piatti giapponesi in manga, anime, film…. Per fare questo, oltre a un iniziale innamoramento per la cucina del mio paese di adozione/elezione ci è voluto tempo. Tempo per conoscere ma anche tempo per poter essere sufficientemente irriverente nei confronti dell’oggetto del mio amore culinario!

Continua a leggere

NIEMINEN LASCIA SENZA “RESPIRO”

respiro nieminem.JPGAltro che prendere respiro, vendendo “Respiro” si rimane senza fiato: angoscia, paura, senso di incertezza massima. Proprio come chi sta per partire, nelle mani di un trafficante di persone, per un Paese che non conosce, scappando da dove non può restare. “Respiro” è il cortometraggio prodotto dalla casa di produzione Nieminen, ha vinto la menzione speciale della giuria all’edizione 2016 del Milano International Film Festival (MIFF). Ha ricevuto una menzione speciale all’Ischia Film Festival poche settimane fa e il 27 luglio alle 20 al cinema Anteo proprio al MIFF sarà proiettato ai milanesi. Intanto Andrea Brusa, Andrea Italia e Marco Scotuzzi raccontano come è nato “Respiro” e cosa possiamo aspettarci dalla visione. No spoiler. Continua a leggere

LAGO D’AUTORE, CON ZELBIOCULT

zelbiocult stemmaNato per “dare una ulteriore anima ad un paese molto dinamico di suo, per aggiungere qualcosa di culturale ad un programma estivo già vivace, tra un coro di alpini e una pizzoccherata”, il festival Zelbiocult si prepara per la sua nona edizione di “incontri d’autore”, dal 9 luglio al 28 agosto, tutti in stile “chiacchierata libera” con il curatore, Armando Besio. Responsabile delle pagine culturali milanesi de La Repubblica, con il ramo di famiglia materno che si intreccia con questo ramo del lago di Como, il giornalista ha creato e conduce il festival assieme ad un gruppo di amici, forte anche della ultradecennale esperienza de La Milanesiana, con cui tuttora collabora.

Zelbiocult è quanto di meno milanese si possa immaginare, però: niente frenesia – 9 date in 2 mesi – e organizzazione tra amici, poco social, per ora, con incontri che scommettono “sull’alchimia che si crea al momento“, spiega Besio stesso. Proprio come con la ultranovantenne scrittrice di gialli per Saliani Elda Lanza, la scorsa edizione: “ci siamo conosciuti pochi minuti prima, ma sembravamo amici da sempre”. Magie di una notte d’estate sul lago, forse, complice anche l’atmosfera che pochi paesini possono offrire come Zelbio: intima e allo stesso tempo vivace, con un pubblico in parte locale e in gran parte in arrivo ”da fuori”, perché Zelbiocult ha i suoi anche cultori nel comasco e nel milanese.

Continua a leggere

RABBIA NOIR

Di-rabbia-e-di-ventoTrasuda di rabbia e racconta di una Milano con un anomalo vento impossibile da non notare: non poteva che intitolarsi così, “Di rabbia e di vento”, il romanzo di Alessandro Robecchi che le edizioni Sellerio regalano ai milanesi e ai non milanesi. Lo consegnano assieme all’autore, nelle mani dei lettori, lasciando a ciascuno la possibilitá di esplorarne gli aspetti che preferisce. O di girovagare senza meta nella storia. Quella di Carlo Monterossi, il detective per caso, e per rabbia, in una Milano opulenta e nera di cui conosce il cuore. Il cuore nero, il cuore noir, ma anche quello di chi sa badare più ai buoni sentimenti della moglie anonima di un poliziotto che alla telediva fintamente euforica e veramente egoista. Continua a leggere

ROMA (ANTICA) A MILANO

copertina9Roma a Milano, dove si nasconde ve lo raccontano Fabio Florindi e Stefano Lucchini in una ‘non guida’ non turistica pubblicata dalla casa editrice digitale Informant. Si intitola Mediolanum e accompagna sia i milanesi sia i “forestieri”, romani compresi, tra i resti romani della Milano di oltre 2mila anni fa. L’itinerario, anzi, i tre proposti, sono illustrati in modo vivace dalle due giovani voci, ad aiutarli, e ad aiutare a non perdersi, il lettore, anche foto e mappe interattive. Fabio Florindi, uno dei due autori, ci svela qualcosa di più. Per il resto gambe in spalla e pronti per viaggiare nel tempo. Continua a leggere

ATTI OSCENI A MILANO

atti-osceni“Atti osceni in luogo privato”, in più luoghi, tra cui anche i luoghi privati milanesi, domestici, ma non solo. Però privati, come spesso privata e nascosta è la bellezza di questa città. Privati perchè ubbidienti al titolo che Marco Missiroli ha dato al suo nuovo romanzo, pubblicato da Feltrinelli con una copertina bianca che sembra studiata per fare rabbia ai “guardoni”. I lettori, invece, ne possono godere, della copertina come dell’interno: un ottimo romanzo che percorre con il protagonista le fasi di crescita attraverso cui l’orologio biologico ci impone di passare. Il “come” sta a noi. Continua a leggere