Archivi tag: adolescenti

CHI HA BISOGNO DI TE, TI LEGGE

chi ha bisogno di teAdolescente con una intelligenza emotiva, e una emotività intelligente, del tutto fuori dalla norma proprio come, specularmente, sono del tutto nella norma le condizioni al contorno dello spazio in cui si muove.

Meri è infatti figlia di genitori separati, cerca il primo amore, vive sentendosi disorientata, con una curiosità affamata di vita e allo stesso tempo la paura del futuro, di quel futuro che sembra ogni giorno di più non promettere nulla. Nulla di buono né nulla di cattivo, nulla di promesso perché la vita è in continua evoluzione proprio come lo è la stessa protagonista e il suo entourage di persone, Madre, Padre e amica Sara, e anche l’ipotetico grande amore, in primis. Continua a leggere

Annunci

ADOLESCENTI AL GIAMBELLINO

coverL’INTERVISTA CON L’AUTORE  Scordiamoci gli stereotipi, ma ricordiamoci che la carne va mangiata, e anche le verdure. Ricordiamoci la paura ma anche il contrastante desiderio di restare senza genitori per sfidare il mondo da soli, indomiti adolescenti. Ricordiamoci che cos’è il Giambellino e cos’era, e immaginiamoci due adolescenti sulla cerniera tra due mondi che non si incontrano, uno di droga e spaccio quotidiano, l’altro di apparenza, tra ricchi e viziati. Per il resto, proprio come han pensato anche in due giovani in questione, rimasti improvvisamente orfani ma che voglion restare lì, ad abitare sulla cerniera, “Qualcosa c’inventeremo”. Il pensiero è di Mirko, il maggiore dei due fratelli protagonisti del nuovo libro di Giorgio Scianna, delicato e fedele narratore di adolescenti per Einaudi Editore. Continua a leggere

LA SCOPERTA DELL’ALTRUISMO

fotoL’INTERVISTA CON L’AUTORE  Ispirata ad un fatto di cronaca la storia di “Bella e Gustavo” (editore il Castoro) e l’avventura di Nino e Petra, due ragazzi normali che trascorrono una estate a Milano. Per scoprire come, c’è tutto il romanzo di Zita Dazzi, giornalista de ‘la Repubblica’, da gustare, per intuirne i toni, ci si può fidare di quelli suggeriti da lei stessa per la copertina, per la tematica, l’illustratore “la illustra” quanto basta per inviate al iniziare la lettura. Con l’autrice, senza che né Bella e Gustavo, né i due giovani amici ce ne vogliano, ma spaziamo dal loro libro a tutta Milano, una Milano di chi la conosce da giornalista specializzata su temi sociali, come Zita, appunto. Continua a leggere