Archivi tag: arte

STORIE DI MINORI MIGRANTI, ILLUSTRATE E IN MOSTRA

STORIE MIGRANTI CLAUDIADal 24 marzo espongono al Milonga cornici di via Ripamonti 6 per 15 giorni, ma con le loro immagini e le loro parole, arricchite dal tocco di Michela Nanut, stanno già raccontando quello che hanno visto e ascoltato, percepito e sentito. Sono Claudia Bellante e Mirko Cecchi. Lo scorso settembre sono stati a settembre in Sicilia con l’ONG Terre des Hommes per intervistare e ritrarre dei ragazzi stranieri arrivati da soli in Italia. Tutti partiti a 15 o 16 anni verso l’Italia in cerca di nuove opportunità per dare una mano alla famiglia lasciata nel Paese di origine, per studiare, per scappare alla tratta.

Quelli ascoltati da Bellante e Cecchi sono quelli sopravvissuti dopo aver attraversato il deserto geografico e l’inferno umano, tra torture, rapimenti, violenze sessuali. Ritratti in uno scatto, messi nero su bianco in poche intense righe e trasformati dall’arte di Nanut, saranno i protagonisti di una mostra e allo stesso tempo portavoce di un progetto, il Faro, di Terre des Hommes che grazie ai fondi Intesa San Paolo, a Milano ha appena offerto 40 borse lavoro per l’inclusione sociale a giovani migranti tra i 17 e i 30 anni, richiedenti asilo o regolarmente residenti nell’area della città metropolitana di Milano.

Quando e come siete partiti per questo progetto?

Da tempo avevamo il desiderio di collaborare con una ONG perché spesso si muovono in realtà complesse dalle quali siamo attratti e che con il nostro lavoro normalmente raccontiamo. Ad una conferenza abbiamo incrociato Paolo Ferrara di TDH, è stata l’occasione per presentarci e per conoscere il progetto Faro che desideravano in quel momento “promuovere” per capire cosa stava accadendo in Sicilia. Lì gli sbarchi – in particolare al porto di Pozzallo dove TDH opera – non si fermano. Continua a leggere

Annunci

LIBRI FINTI E CLANDESTINI

tumblr_static_sfondoC’è quello rosso grande: copertina cartonata,
realizzata con un sacchetto di una boutique ricca di colore rosso, e corpo di sacchetti di una panetteria milanese bianchi, buste per invii postali, un’acquaforte trovata all’Accademia di Brera a Milano, carta velina marrone e carta da imballaggio (scadente) bianca. C’è “Cen Dres”: copertina cartonata, realizzata con un foglio di carta con stampa trovato nei laboratori di stampa dell’accademia WDKA di Rotterdam e corpo di buste postali gialle e sacchetti del pane bianchi. C’è la sovrastampa degli Angeli, novità 2013: copertina cartonata con angeli raffigurati con ulteriore sovrastampa a caratteri mobili con inchiostro nero, corpo di fogli di giornale trovati in librerie di Milano, prove di stampa serigrafiche, carta riciclata di colore giallastro

e tovagliette arancioni. Continua a leggere