Archivi tag: Beatrice Masini

12 VOLTE LA PRIMA VOLTA

la prima volta che

Per la prima volta dopo ben dodici “prime volte” guardare gli adolescenti come creature accessibili, non più, mai più, come marziani atterrati con una astronave 3.0 in un pianeta che banda larga non ha, e neanche molto ampie vedute. È questo l’effetto che fanno i dodici racconti che altrettanti autori tra i più amati dai ragazzi pubblicano in un libro de Il Castoro. Da leggere d’un fiato, o “pizzicando” un racconto qua e là alternato ad altre letture, ma da leggere.

Continua a leggere

Annunci

I NOMI DELLE COSE

3504445-9788845280788Li diamo da bambini, quando impariamo le parole, li diamo da adulti, anche, e non sempre sono quelli giusti o non sempre bastano per definire la cosa o l’emozione che dovrebbero rappresentare. Sono “I nomi che diamo alle cose”, da piccoli e da grandi, che a volte fanno la differenza tra mondo dell’infanzia e mondo adulto, non per forza il primo è piccolo e l’altro è grande, ma è tra queste due   realtà coesistenti che gioca il romanzo di Beatrice Masini. “I nomi che diamo alle cose”, il titolo, pubblicato da Bompiani: è il suo secondo libro per adulti, ma ne ha scritti molti altri per bambini: anche nella sua biografia torna il binomio, la contrapposizione-unione di due mondi, immancabile, a questo punto, anche nella trama.  Continua a leggere

TENTATIVI DI BOTANICA DEGLI AFFETTI

4527226_0L’INTERVISTA CON L’AUTORE  L’abile acquarellista Bianca, dal Lago di Garda arriva nella campagna milanese per ritrarre il patrimonio botanico di un ricco signore con famiglia e amore per la poesia. Catapultando tutti nel primo Ottocento, Beatrice Masini, giornalista e scrittrice di libri per bambini, con “Tentativi di botanica degli affetti” (Bompiani) per la prima volta scrive un romanzo per adulti ricco di specie floreali quanto di sentimenti umani. Le sfumature degli acquerelli, la fortuna della protagonista, si specchiano nelle vicende quotidiane che regolano la vita della grande famiglia dove Bianca è accolta. E lì, tra Milano e la vicina campagna, dipingendo, diventa donna. Continua a leggere